14 ottobre – Mese del Rosario …Rosari senza numero

da Il Santo Rosario e i Santi di padre Stefano Maria Manelli

Un giorno sant’Alfonso de’ Liguori, nella sua vecchiaia, cadde in un brutto letargo. Non parlava né sentiva più nulla. I confratelli, attorno, non sapevano come fare. Ad uno venne un’improvvisa ispirazione, si avvicinò al santo, e gli disse. “Monsignore, dobbiamo dire il Rosario“. A quella parole Rosario, il santo si scosse immediatamente, aprì gli occhi e incominciò subito: “Deus in adiutorium intende…” Quando si trattava di recitare Rosari, sant’Alfonso negli anni della sua vecchiaia, stava sempre “col Rosario tra le mani dalla mattina alla sera.”

I santi sono fatti così. Tendere sempre al massimo nel bene, non mettere mai limiti né lesinare gli sforzi e gli eroismi quando si tratta di compiere cose buone. è la caratteristica propria dei santi. E ciò soprattutto per una cosa buona e santa com’è la preghiera.

Pregare significa sostare e vivere in Cielo: “La nostra conversione è conversazione è nei cieli” (Filippesi 3,20). Pregare è quello che fanno i santi del paradiso, i quali a tu per tu con Dio e Maria, si inebriano dell’incessante preghiera di adorazione, di lode, di ringraziamento.

Amare con passione la preghiera, quindi, cercare con sollecitudine ogni occasione di preghiera, essere instancabili nel pregare, è la cosa più naturale e normale dei Santi. Davvero essi amano le divine parole: “Bisogna pregare sempre” (Luca 18,1), “Pregate senza interruzione” (1 Tessalonicesi 5,179, e come ci tengono a prendere alla lettera! Pregare molto e bene, anzi, pregare moltissimo e benissimo, è la loro comune divisa.

Non ci meraviglieremo, quindi, se anche a proposito dei Rosari, per i santi non vale altra massima che quella delle anime totalitarie: recitarne senza numero.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "14 ottobre – Mese del Rosario …Rosari senza numero"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*