27 ottobre: Mese del Rosario …il Rosario in mezzo al chiasso

da Il Santo Rosario e i Santi di padre Stefano Maria Manelli

La buona volontà e l’amore rendono fecondo il Rosario anche quando le condizioni esterne non facilitano in nulla il raccoglimento e il gusto della recita.

Si racconta di quel soldato in trincea, che scriveva una lettera alla mamma in mezzo al baccano infernale delle artiglierie in azioni. Un commilitone gli disse: “Ma come fai a scrivere con questo fracasso? Chissà quanti strafalcioni ci scappano!” “Non fa niente -rispose l’altro- gli strafalcioni se li corregge la mamma. L’importante è che io le scriva.” “Hai ragione” concluse il primo.

Proprio così. L’amore  e la buona volontà bastano da soli a dare contenuto e valore al Rosario, che è come una lunga e affettuosa lettera alla Mamma del Cielo, magari non priva di strafalcioni, ma sempre a Lei accetta e cara.

Come recitare con attenzione il Rosario?“, fu chiesto una volta a san Pio da Pietrelcina. E il Padre rispose: “L’attenzione dev’essere portata all’Ave, al saluto che rivolgi alla Vergine nel mistero che contempli. In tutti i misteri essa era presente, a tutti partecipò con l’amore e con il dolore.

In tal modo potremo scoprire, volta a volta, i dolci gaudi, i tremendi dolori e le celesti glorie della beatissima Vergine, ed Ella ci renderà partecipi di tutte le grazie contenute nei suoi gaudi, nei suoi dolori e nelle sue glorie.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "27 ottobre: Mese del Rosario …il Rosario in mezzo al chiasso"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*