Atomica su Hiroshima e Nagasaki. Lo sai che c’entra l’Illuminismo?

6 agosto 1945 bomba atomica su Hiroshima.

9 agosto 1945 bomba atomica su Nagasaki.

Quale “giustificazione”?

Occorreva terminare subito la Guerra, ci sarebbero stati altri morti e altre spese. Insomma, machiavellismo pieno: il fine giustificherebbe anche i mezzi più orrendi. E morirono circa 100.000 persone. Conclusione “coerente” di una Guerra che fece ben 45 milioni morti.

Lo sapete che il XX secolo è riuscito a fare più morti ammazzati di tutti secoli precedenti? Solo le due Guerre Mondiali hanno causato 70 milioni di morti, 45 la Seconda e 25 la Prima.

Eppure con la Rivoluzione francese erano trionfati i diritti dell’uomo; e questi vessillati su tutte le bandiere… ma proprio questo fu la causa di tante tragedie: quando non si parla più di diritti di Dio, ma solo di diritti dell’uomo, a pagarne le conseguenze non è Dio, ma l’uomo.

Argomentiamo.

L’Illuminismo ebbe una sua concezione dell’uomo coerentemente conseguente ai presupposti dell’Illuminismo stesso. Dal momento che –dicevano gli illuministi- esiste solo la materia, l’uomo è solo corpo, è solo “una macchina”, come amava dire La Mettrie. Ora, se l’uomo non è altro che il suo corpo, vuol dire che non ha un’anima, e se non ha un’anima, vuol dire che ha un valore finito.

Per il Cristianesimo, invece, l’uomo è sì materia, ma è anche spirito e nel suo spirito si esprime l’“immagine e somiglianza di Dio”, che è ha in un certo qual modo un valore “infinito”, essendo il riflesso stesso di Dio che è ontologicamente infinito. In questo caso l’uomo viene sempre e comunque prima di ogni altro valore finito.

Torniamo all’Illuminismo. L’uomo, dunque, sarebbe solo un corpo, quindi avrebbe un valore finito. Ma se ha un valore finito, vuol dire che può essere posposto (messo dopo) ad altri valori come: l’Ideologia, lo Stato, la Rivoluzione, la Razza. Una volta infatti che si è ammesso che l’uomo ha solo un valore finito, come si fa dimostrare che è un valore sempre e comunque superiore agli altri?

E così l’uomo può anche sacrificato in nome di qualcos’altro. Anche in nome di un’intenzione: far terminare subito una Guerra che non era bene che continuasse.

La follia: uccidere tanti innocenti… per non uccidere ancora.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

 

 

Share on:

1 Comment on "Atomica su Hiroshima e Nagasaki. Lo sai che c’entra l’Illuminismo?"

  1. una puntuale e inedita lettura della vittoriosa guerra atomica

Leave a comment

Your email address will not be published.


*