Avvento: Innocenza ed eterna infanzia di Dio che aprono i cuori alla Verità. La conversione di Paul Claudel

del C3S

Il 25 dicembre 1886 un giovane Paul Claudel entrò ateo nella Cattedrale di Notre-Dame de Paris per uscirne cristiano.

Il racconto autobiografico che segue pone l’accento su quel sentimento dell’innocenza, dell’eterna infanzia di Dio che il Natale celebra come fattore di svolta per il cuore assettato di Assoluto. Leggiamo e riflettiamo sul racconto che il poeta e scrittore francese ci ha lasciato sulla sua conversione:

Ecco come era il giovane infelice che il 25 Dicembre si recò a Notre-Dame per assistere all’Ufficio di Natale. Cominciavo allora a scrivere e mi sembrava che nelle cerimonie cattoliche, considerate con superiore dilettantismo, avrei trovato uno stimolo opportuno e la materia per qualche esercizio decadente. In queste condizioni, urtando a gomitate la folla, assistetti alla Messa solenne con poco piacere. Poi, non avendo nient’altro di meglio da fare, tornai al pomeriggio per i Vespri. I bambini del Coro, vestiti di bianco, e gli alunni del Seminario Minore di Saint-Nicolas-du Chardonnet stavano cantando ciò che più tardi ho saputo essere il Magnificat. Io ero in piedi tra la folla, vicino al secondo pilastro rispetto all’ingresso del Coro, a destra, dalla parte della Sacrestia. In quel momento capitò l’evento che domina tutta la mia vita. In un istante il mio cuore fu toccato e io credetti. Credetti con una forza di adesione così grande, con un tale innalzamento di tutto il mio essere, con una convinzione così potente, in una certezza che non lasciava posto a nessuna specie di dubbio che, dopo di allora, nessun ragionamento, nessuna circostanza della mia vita agitata hanno potuto scuotere la mia fede né toccarla. Improvvisamente ebbi il sentimento lacerante dell’innocenza, dell’eterna infanzia di Dio: una rivelazione ineffabile! Cercando –come ho spesso fatto– di ricostruire i momenti che seguirono quell’istante straordinario, ritrovo gli elementi seguenti che, tuttavia, formavano un solo lampo, un’arma sola di cui si serviva la Provvidenza divina per giungere finalmente ad aprire il cuore di un povero figlio disperato: ‘Come sono felici le persone che credono!’ . Ma era vero? Era proprio vero! Dio esiste, è qui. È qualcuno, un essere personale come me. Mi ama, mi chiama. Le lacrime e i singulti erano spuntati, mentre l’emozione era accresciuta ancor più dalla tenera melodia dell’ ‘Adeste, fideles’ […]. Che me ne importava del resto del mondo, davanti a quest’Essere nuovo e prodigioso che mi si era svelato?

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Avvento: Innocenza ed eterna infanzia di Dio che aprono i cuori alla Verità. La conversione di Paul Claudel"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*