Borraccia n.122

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari “sorsi”  sono i punti della meditazione.

122

L’ACQUA

Nessuno nutra l’illusione di pensare che farà grandi cose, se dapprima non ne fa di umili
(San Francesco Saverio -Lettera del 5.11.1549)

I SORSI

1

Cari pellegrini, siamo dinanzi alla cupola di Santa Maria del Fiore a Firenze. La magnifica cupola del Brunelleschi. Ci colpisce la perfezione straordinaria. Chissà quanti calcoli e quanti progetti. Si tratta della più grande cupola in muratora esistente al mondo e ancora oggi molti si chiedono con quale tecnica sia stata costruita.

2

Con l’acqua di questa borraccia san Francesco Saverio ci dice che non è possibile pensare di fare cose grandi se prima non se ne fanno di umili. O -perlomeno- non si è disposti a fare cose umili.

3

D’altronde c’è una logica indiscutibile in questa verità, che tra le tante che fa capire la veridicità e la bellezza del Cristianesimo.

4

La logica è ciò che Gesù indica affermando che chi è fedele nel poco sarà anche fedele nel molto e chi non è fedele nel poco non sarà fedele nel molto (Luca 16).

5

Ciò  perché dinanzi a Dio non esiste il grande e il piccolo, bensì è tutto infinitamente piccolo.

6

Ma non solo. Chi pretendesse di fare cose “grandi” senza rendersi disponibile per quelle “piccole” opera la più grande menzogna, che è quella di credere che ciò che fa non solo dipenda da lui, ma che tutto sarebbe a suo prestigio.

7

Il che -come dicevamo- è una grande menzogna.

8

Torniamo alla Cupola del Brunelleschi. La meraviglia che si staglia dinanzi ai nostri occhi non è solo il frutto del grande ingegno dell’architetto fiorentino, ma anche della fatica degli operai che hanno caricato su di sé il materiale, sporcandosi e -come si suol dire- rompendosi la schiena.

9

In questo caso il lavoro dell’architetto non è stato quello degli operai e viceversa. Nella vita invece accade che i due lavori vadano svolti entrambi dalla singola anima… solo così si origina la meraviglia della Salvezza, che, a differenza dei lavori architettonici che pur grandi finiranno, potrà essere ammirata per l’eternità.

Al Signore Gesù

Tu, Signore dell’universo, cosa hai fatto?

Hai sofferto e sei morto per la mia salvezza.

Ti sei fatto umiliare per me.

Ti sei fatto sputacchiare e deridere per me.

Ti sei fatto frustare e uccidere per me.

E io… che faccio per Te?

Alla Madre dello Splendore

Madre, la tua umiltà è artefice del più grande capolavoro della Storia: l’Incarnazione.

Non c’è bellezza più ammirevole di questa.

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Borraccia n.122"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*