Borraccia n.161

50352094 - older grateful man hugging his helpful caregiver

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari “sorsi”  sono i punti della meditazione.

161

L’ACQUA

“Acquisire la santità di Dio è la tua vocazione assicurata.”

(San Luigi Maria Grignon de Monfort – Il segreto di Maria)

I SORSI

1

Cari pellegrini, quando si ritorna da molto tempo a visitare una persona, non si è sempre sicuri di come questi reagirà. Se sarà davvero contento di vederci, oppure fingerà di esserlo, perché, tutto sommato, nel suo cuore potrebbe rimanere indifferente a questo incontro. Non è così quando si torna dopo molto tempo dai propri genitori. Non solo il loro entusiasmo è sincero, ma ancor prima di reincontrarli, si è certi che saranno felici nel vederci.

2

Nell’acqua di questa borraccia san Luigi Grignon de Monfrot dice che “…acquisire la santità di Dio è una vocazione assicurata”.

3

Prima di tutto soffermiamoci sulla parola “vocazione”, che significa “chiamata”. San Luigi dice che noi siamo chiamati da Dio ad acquisire la Sua santità. E’ questo è il nostro vero e unico fine.

4

Ovviamente, si tratta di una acquisizione per partecipazione. Non si potrà mai divenire santi quanto Dio, ma ci si dovrà conformare a Lui quanto più possibile.

5

La santità è dunque fare della volontà di Dio, la nostra volontà.

6

Fare del Suo criterio di giudizio, il nostro criterio di giudizio.

7

Come dice san Paolo: “Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me.” (Galati 2)

8

Ma c’è un altro punto importante di ciò che dice san Luigi. E’ l’aggettivo “assicurata”. Questa vocazione di doversi conformare alla volontà di Dio è “assicurata”.

9

“Assicurata” in questo caso non significa che avverrà sempre e comunque, indipendentemente dalla nostra volontà. No. Significa che, facendo ciò che si deve fare, avverrà. E che inoltre Dio desidera che avvenga, esige che si realizzi.

10

Dinanzi a questa “assicurazione” della vocazione c’è dunque un aut-aut, una scelta drastica: o diciamo “sì” o diciamo “no”.

11

Lo scrittore e poeta tedesco Clemens Brentano (1778-1842), nel suo Vittoria e le sue sorelle, scrive: “Tutti sono spinti all’odio o all’amore… neutrale è il diavolo.” Ovviamente lo scrittore fa una forzatura perché il diavolo sceglie il male, non rimane neutrale, ma dice una cosa vera perché solo la scelta del male e del diavolo può far rimanere indifferenti dinanzi all’amore infinito di Dio, e quindi alla “vocazione assicurata” di cui parla il Monfort…

12

…come solo un figlio che non ha capito l’amore dei genitori, può credere che al suo ritorno essi possano rimanere indifferenti, senza che abbiano sperato e desiderato, istante dopo istante, di poterlo riabbracciare.

Al Signore Gesù

Signore, legami a Te.

Fa che non mi illuda follemente di poter fare a meno di Te.

Voglio che il mio destino sia in Te …e solo in Te.

Alla Regina dello Splendore

Madre, l’ “assicurazione” di Dio è custodita nella tua maternità.

Come figlio tuo vengo a chiederti di aiutarmi a desiderare la santità.

Con Te a fianco e con il tuo sostegno potrò farcela.

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

Share on:

Be the first to comment on "Borraccia n.161"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*