Borraccia n.223

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.

223

L’ACQUA

Ma io confido in te, Signore; dico: ‘Tu sei il mio Dio, nelle tue mani sono i miei giorni.
(Salmo 31)

I SORSI

1

Cari pellegrini, siamo ad un concerto per ascoltare della buona musica classica. L’orchestra esegue benissimo. Tutto è perfettamente armonico e sinfonico.

2

Questa borraccia invita a riflettere sul Tempo. Nell’ acqua si afferma che bisogna confidare in Dio, e in tal modo, confidando in Dio, si possono riporre i propri giorni nelle Sue mani.

3

Ci sono pertanto due operazioni che dobbiamo fare. Prima di tutto confidare in Dio e, secondo, prendere atto che il Tempo che abbiamo a disposizione è nella Sua volontà.

4

Il confidare in Dio si può esplicare in tanti modi. E’ però essenzialmente frutto di un riconoscimento che a Dio dobbiamo tutto il nostro essere e che Dio stesso ci ha posto in essere per gratuito amore.

5

Noi esistiamo perché Dio l’ha voluto e continuiamo ad esistere perché Dio ci mantiene nell’essere.

6

Questo averci voluto di Dio non è stato l’esito di una “necessità”. Dio, che infinito e assoluto (quindi basta a se stesso) ha voluto liberamente che noi partecipassimo all’essere che solamente Lui possedeva dall’eternità.

7

La constatazione dell’amore di Dio ci obbliga ad una confidenza che sia totale, completa, vivificatrice di ogni nostro desiderio e di ogni nostro gesto.

8

Da tutto questo vien del tutto naturale “consegnare” a Dio il nostro tempo, E’ suo, gli appartiene per diritto.

8

Ma tutto questo si risolve in una straordinaria bellezza: la scoperta che in questo modo (solo in questo modo) il Tempo non corre il rischio di essere un’unione di attimi e fatti scollegati, senza senso, fastidiosi… così come un’insieme di strumenti musicali che suonano ognuno a modo proprio, bensì si eleva ad “armonia” e “sinfonia”, come una perfetta orchestra musicale il cui Direttore è Dio stesso.

9

L’ “armonia” è la logica successione di suoni. Il Tempo come “armonia” è il Tempo in cui ogni gesto e ogni fatto ha un suo senso, una sua logica. Quest’ordine lo può dare solo Dio.

10

La “sinfonia” è la perfetta unione di suoni. Il Tempo come “sinfonia” è il Tempo in cui tutto risponde ad un fine …e questo fine lo può dare solo Dio.

Al Signore Gesù

Signore, rinnovo la mia confidenza in Te.

Consegno tutto me stesso a Te.

Nelle Tue mani ci sono il mio essere, la mia vita, le mie azioni, i miei pensieri, la mia storia… il mio Tempo.

Alla Madre Celeste e Regina dello Splendore

Madre, Tu sei colei che ha sempre vissuto il Tempo come “armonia” e “sinfonia”.

Perché Tu sei totalmente in Dio.

Non c’è unione più stretta tra creatura umana e Dio che non quella che Tu hai vissuto, che stai vivendo e che vivrai per l’eternità.

Madre, consegno anche a Te il mio Tempo. Anzi, mi riprometto che ogni sera, prima di riposarmi, toglierò il mio orologio dal polso e lo poserò ai piedi di una tua immagine.

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Borraccia n.223"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*