Borraccia n.258

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.

258

L’ACQUA

“La vita di Dio sovrasta la nostra vita, eppure essa è stata data per la nostra vita”

(San Bernardo di Chiaravalle)

I SORSI

1

Cari pellegrini, siamo su una spiaggia. C’è tantissima sabbia. Essa è fatta di granellini finissimi. Ci chiniamo e ne afferriamo una manciata. Ci viene spontanea una riflessione: cosa è un granello di sabbia rispetto all’enorme distesa di sabbia? Nulla.

2

L’acqua di questa borraccia ci dice che la vita di Dio è infinitamente superiore alla nostra, non c’è paragone tra questa e la Sua. Noi siamo finiti. Dio è infinito. La differenza tra l’infinito e il finito è l’infinito stesso. Ebbene, malgrado questa incommensurabile differenza, Dio ha donato la sua vita per salvare la nostra vita.

3

Possiamo dire che l’Infinito ha offerto se stesso per salvare il finito. E questa è una bellezza che è solo del Cristianesimo!

4

Da tempo immemorabile, almeno da quando con la catastrofe del peccato originale il demonio divenne il Signore del mondo, il rapporto divino-uomo veniva visto in maniera diversa. Doveva essere l’uomo a sacrificarsi per Dio, e quindi ad offrire la sua vita per Lui. Il senso dei sacrifici umani era fondamentalmente questo.

5

Con il Cristianesimo cambia tutto. Ovviamente il dovere dell’uomo è quello di rendere gloria a Dio. Ovviamente è l’uomo che deve trovare la sua realizzazione in Dio. Ovviamente è Dio che costituisce il vero fine dell’uomo. Ovviamente Dio rimane il Creatore e l’uomo rimane la creatura… ma l’amore di Dio entra manifestamente nella Storia!

6

Dio offre la sua vita per l’uomo.

7

Dio, per l’uomo, fa esperienza della sofferenza.

8

Dio, per l’uomo, fa esperienza della morte.

9

Dio, per l’uomo, fa suo il sigillo della Croce.

10

C’è una massima di Wolfang Goethe (1749-1832) che dice: “Non dire che vuoi regalare, regala. Non riuscirai mai a soddisfare un’attesa.”

11

Cari pellegrini, il Dio in cui noi crediamo, il Dio che ha cambiato la nostra vita e che deve continuare a cambiarla, è un Dio che “regala” e che, a differenza del dono di Goethe, regala qualcosa che soddisfa pienamente l’attesa. Perché non regala qualcosa, ma se stesso!

12

…Eppure tra Lui e noi c’è una differenza più grande di quella che vi è tra un misero granellino di sabbia e il mondo intero!

Al Signore Gesù

Signore, cosa mi può mancare quando Tu hai donato a me Te stesso?

Giustamente diceva san Pio da Pietrelcina: “Chi ha Dio, ha tutto!”

Alla Madre Celeste e Regina dello Splendore

Madre, la bellezza dell’Infinito che dona se stesso al finito è stata possibile grazie al tuo “sì”.

Tu hai permesso questa meraviglia che dà senso a tutto.

Ecco perché il mio destino è rimanere accanto a Te.

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Borraccia n.258"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*