Borraccia n.294

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.

294

L’ACQUA

Dice qualcuno: non posso digiunare, fare l’elemosina; ma se gli si dicesse: prega! Non potrebbe dire: non posso.”

(Sant’Alfonso Maria dei Liguori)

I SORSI

1

Cari pellegrini, andare a trovare un anziano genitore non vuol dire che lo si debba fare perché questi abbia bisogno di qualcosa. Certo, può anche avere questa motivazione. Molte volte però è perché questi ha bisogno della nostra presenza, ha bisogno di capire che noi lo pensiamo…

2

Sant’Alfonso M.dei Liguori con l’acqua di questa borraccia ci dice chiaramente che la preghiera la possono fare tutti. Che per la preghiera non occorre chissà quale forza o stato di salute fisica. Per la preghiera basta solo la volontà.

3

E questo -diciamocelo francamente- è una cosa che ci responsabilizza non poco.

4

Forse l’unica attenuante può essere il tempo. Diciamo “forse” perché molte volte si perde tanto tempo per cose inutili, e poi si crede di non aver tempo per pregare… ma è indubbio che non tutti possono e debbano pregare allo stesso modo. Una mamma che volesse pregare come una suora di clausura. manderebbe distruggerebbe la famiglia, così un padre che volesse pregare come un certosino.

5

Ma la possibilità di pregare sempre e comunque rimane. Ciò che occorre è lo stato di preghiera: fare tutto secondo la giusta intenzione e offrire ogni azione a Dio.

6

Le parole però di sant’Alfonso ci forniscono anche un altro elemento di meditazione. Un elemento che ci invita a metterci dalla parte non dell’uomo bensì di Dio. Ci spieghiamo meglio.

7

Dio ha bisogno delle nostre preghiere? Ovviamente la risposta è no. Dio non ha bisogno di nulla. Dio è onnipotente, Dio è assoluto, Dio basta solo a se stesso.

8

Eppure Dio, perché ci ama, è come se “mendicasse” la nostra preghiera.

9

Cosa significa questo? Che Dio vuole che lo pensiamo.

10

Se ci riflettiamo bene, questa è una bellezza straordinaria. Dio, l’Onnipotente, colui che è il Signore dell’universo intero, vuole e desidera che io, che sono quel che sono, lo pensi.

11

E ciò è qualcosa su cui non ci si riflette abbastanza, eppure è decisivo. E’ decisivo sul piano dell’esistenza umana. Ma è decisivo anche sul piano culturale.

12

E’ indubbio che la civiltà occidentale (lasciamo perdere la deriva dell’Occidente contemporaneo…) sia stata l’unica civiltà capace di valorizzare la persona umana. Ebbene, una delle radici (se non la vera radice) di tutto questo è la convinzione cristiana secondo cui l’uomo è amato da Dio e che per questo Dio vuole la “compagnia” dell’uomo, di ogni singolo uomo. Il Dio cristiano, infatti, vuole che tutti si salvino. Il fatto poi che non tutti si salvino è perché non tutti corrispondono.

13

Se, pertanto, l’uomo è desiderato da Dio, allora ogni singolo uomo non è un “incidente di percorso”, non è qualcuno lì, gettato a casaccio nel mondo, bensì è un soggetto che ha una storia e un destino ben precisi.

14

Cari pellegrini, torniamo all’immagine da cui siamo partiti. Il genitore anziano può non aver materialmente bisogno di noi, ma certamente desidera che noi lo pensiamo. Lui ci ha generato, lui ha fatto sì che Dio ci potesse creare, noi abbiamo avuto bisogno di noi… e invece è Lui che, per il suo amore, ha “bisogno” di noi… come Dio.

Al Signore Gesù

Signore, che cosa è bellissima pensare che Tu desideri che io ti pensi.

Signore, ciò mi responsabilizza ancora di più e so quanto devo seminare la preghiera nella mia giornata.

Non permettere che mi allontani da Te.

Non permettere che finisca di pensarti.

Alla Madre Celeste e Regina dello Splendore

Madre, Tu sei colei che il Tuo Divin Figlio mi ha donato affinché potessi vivere sempre con Lui.

Madre, nella tua tenerezza, fondo il mio vivere.

Ed è con questa tenerezza che alimento il mio amore per il Tuo Divin Figlio.

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è verità, Bontà e bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Borraccia n.294"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*