San Bernardino da Siena: l’Immacolata ha avuto l’uso di ragione fin dal concepimento… e non fu il solo a dirlo

Tra gli scritti di san Bernardino da Siena (1380-1444) si conservano molti sermoni mariani. Insieme formano un vero Trattato sulla Madonna.

Questo Santo ha esplorato e approfondito il mistero di Maria in ogni aspetto.

Scrive che la Madonna fu “predestinata dall’eternità con il Figlio” e che anche se Adamo non avesse peccato, sarebbe esistita ugualmente con il Figlio. D’altronde questa è la celebre tesi francescana riguardo l’Incarnazione comunque, indipendentemente dal peccato originale.

Egli scrive che la grandezza della Madonna è così eccelsa e “singolare” da sfiorare l’infinito nella perfezione delle virtù e delle grazie, ed è conoscibile solo da Dio, perché Ella, già da sola, costituisce un ordine a sé stante e sublime.

L’Immacolata Concezione ancora non era un dogma di fede (lo sarà solo nel 1854), ma san Bernardino per questa verità volle fare il “voto del sangue” e volle anche che tutti i suoi frati lo facessero.

Arrivò a sostenere che l’Immacolata avrebbe avuto l’uso di ragione e il libero arbitrio fin dalla concezione. E non fu il solo a credere in questo. Con lui si annoverano anche san Vincenzo Ferreri, san Francesco di Sales, sant’Alfonso Maria dei Liguori e altri ancora.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "San Bernardino da Siena: l’Immacolata ha avuto l’uso di ragione fin dal concepimento… e non fu il solo a dirlo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*