BISACCIA – 28

Tra gli strumenti di un cammino vi è la bisaccia, una borsa con cui poter portare il piccolo necessario; non certo il pasto che i pellegrini chiedevano e chiedono agli ostelli, ma qualche semplice e piccolo boccone per sostenere il passo.
Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Bisaccia”  è un insegnamento della sapienza naturale con cui poter sostenere il passo dell’esistenza e confermare la scelta della bellezza della Verità cattolica. 

Il penoso fardello di non aver nulla da fare

Nicolas Boileau (1636-1711) – L’art poétique

Il vero peso e la vera maledizione per l’uomo è quando al tempo non si può dare ragione.

Quando non si ha nulla da fare, ci si illude di poter trovare riposo, ma non è così.

Un conto è tirare il fiato. Un conto è trovare l’opportuna sosta nel lavoro e nella fatica. Altro è il non scorgere alcun motivo per tendere i propri muscoli o per impegnare la propria intelligenza.

Non aver nulla da fare vuol dire non aver nulla da dire, da proporre, da offrire.

Non aver nulla da fare, è sentirsi inutili.

Non aver nulla da fare, però, è anche quando si ci illude di saper far tutto e di poter far tutto, cioè quando si pensa che tutto sia nelle proprie mani, nella propria volontà di potenza.

Questo è l’altra faccia della medaglia.

O non si fa nulla o si pretende di far tutto… s è sempre inutili.

Perché nell’uno e nell’altro caso, non si capisce il mistero della fatica, cioè non si capisce che tutti gli umani sforzi sono sempre un dono.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "BISACCIA – 28"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*