La Bisaccia n.10 (rubrica settimanale)

Tra gli strumenti di un cammino vi è la bisaccia, una borsa con cui poter portare il piccolo necessario; non certo il pasto che i pellegrini chiedevano e chiedono agli ostelli, ma qualche semplice e piccolo boccone per sostenere il passo.
Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Bisaccia”  è un insegnamento della sapienza naturale con cui poter sostenere il passo dell’esistenza e confermare la scelta della bellezza della Verità cattolica. 

Un paesaggio è uno stato d’animo

Henri Frédéric Amiel (1821-1881) – Frammenti di un diario intimo

Una delle più grandi menzogne -anzi: la più grande menzogna- è credere che la realtà venga creata dal pensiero.

E’ la menzogna che nasce con il razionalismo, s’impone con l’idealismo e quindi esplode con il relativismo postmoderno.

Ma se questa è una menzogna, non è affatto menzogna affermare una sorta di contrario, ovvero che la realtà, con lo stupore che suscita, costituisce il nostro pensiero.

Certo, un’affermazione come questa è filosoficamente delicata. Bisogna stare molto attenti ad estremizzarla, altrimenti si rompono giusti equilibri nel processo della conoscenza. Ma -se si fa attenzione- si tratta di qualcosa di sostanzialmente vero.

Nelle parole del poeta svizzero Amiel si afferma ciò che Dio stesso ha voluto.

Che cosa è la realtà che Lui ha creato?

E’ solo materia?

E’ solo un equilibrio di forze?

No, è armonia!

E non c’è “realtà” sulla faccia della terra che può stupirsi dell’armonia della realtà …se non lo spirito umano.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "La Bisaccia n.10 (rubrica settimanale)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*