La Borraccia n.14

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi ogni tanto. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione, che, a differenza del cibo che si deve prendere ad orario, si sorseggia ogni tanto. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.

14

L’ACQUA

“Gli Apostoli hanno vinto con il martirio. Gesù con la Croce! Aspetta e confida. Gesù ha vinto il mondo e lo ha vinto già interamente. Non c’è lotta che cominci, che egli non l’abbia già vinta. Dunque riposa in Lui ed aspetta con pace l’ora Sua”.
(Servo di Dio don Dolindo Ruotolo)

I SORSI

1

Cari pellegrini, abbiamo da poco terminato di camminare. Per ore i nostri piedi hanno proseguito su un duro sentiero: salite e discese… e poi ancora discese e salite. I muscoli sono a pezzi. Arriviamo a destinazione e dinanzi a noi vediamo delle comode e soffici poltrone; d’istinto ci abbandoniamo su di esse. Sono talmente comode che è come ci abbracciassero. In quella comodità spariscono fatica e fastidi muscolari.

2

Cari pellegrini, nelle parole che fanno da “acqua” di questa “borraccia” don Dolindo ci dice tre cose: primo, non c’è vita senza conformazione alla Croce; secondo, non c’è salvezza senza confidare; terzo, non c’è felicità possibile senza “riposare” nella volontà del Signore.

3

Come è stolto il “mondo” che non capisce che ogni umano sforzo di eliminare la sofferenza è quanto di più assurdo possa esistere.

4

Certo, la sofferenza va “smorzata”, bisogna fare tutto ciò che è umanamente possibile affinché se ne possa trarre sollievo, ma credere che possa esistere vita, qui, sulla terra, priva della sofferenza è una stolta ed anche pericolosa utopia, che non ha nulla a che vedere con il Cristianesimo, con il suo realismo e con il suo autentico messaggio.

5

Da qui una bellezza del Cristianesimo. Dal momento che il Dio cristiano non si limita a consolare sulla sofferenza, bensì è venuto Lui stesso a viverla, allora non ci resta che orientare la nostra vita sulla Speranza: confidare in Lui e basta.

6

Gesù, con la sofferenza, ha vinto; e anche noi, con la sofferenza, possiamo vincere. Altro che fallimento! Per il “mondo” la sofferenza è un fallimento, per il cristiano un trionfo.

7

Ma il Dio cristiano non ci dice solo che dobbiamo confidare in Lui, dice anche che dobbiamo conformarci a Lui. Don Dolindo Ruotolo utilizza l’espressione “riposare” in Gesù.

8

Cari pellegrini, quand’è che si riposa bene? Quando il proprio corpo trova un giaciglio comodo. Su una pietra non si riposa bene, né sulla nuda terra. Ci si riposa su un soffice letto, su una poltrona, perché solo così il corpo trova una morbidezza che “accompagna” veramente la forma del corpo.

9

Ebbene, questo –in un certo qual modo- accade nella vita cristiana. Gesù è Colui in cui tutto il nostro essere trova adeguato riposo, in cui il nostro essere trova comprensione, adattamento, ristoro.

10

Tornando all’immagine da cui siamo partiti, la Croce, pur essendo un patibolo di dolore, Gesù (solo Lui) ce la può trasformare in una “soffice poltrona” che ci accoglie, ci abbraccia e ci tempra …per poterci poi rialzare e affrontare nuove fatiche.

AL SIGNORE GESU’

Signore, fa che confida in Te e aspetti serenamente la tua vittoria.
Fammi risposare in Te, aspettando la tua ora.

ALLA MADRE CELESTE E DELLO SPLENDORE

Madre, dona ai miei affanni e alle mie ansie, il riposo più bello: il tuo Gesù.
Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza
Il Cammino dei Tre Sentieri

 

Share on:

Be the first to comment on "La Borraccia n.14"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*