Bisaccia n.53

Tra gli strumenti di un cammino vi è la bisaccia, una borsa con cui poter portare il piccolo necessario; non certo il pasto che i pellegrini chiedevano e chiedono agli ostelli, ma qualche semplice e piccolo boccone per sostenere il passo. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Bisaccia”  è un insegnamento della sapienza naturale con cui poter sostenere il passo dell’esistenza e confermare la scelta della bellezza della Verità Cattolica. 

53

I vivi sono sempre, e in misura maggiore, dominati dai morti

(Auguste Comte – Sistema di politica positiva)

Auguste Comte (1798-1857) è il padre del positivismo, ovvero quella filosofia che afferma che esiste ed è meritevole di indagine filosofica solo ciò che si vede e si tocca, cioè solo la materia.

In realtà il materialismo non nasce con il positivismo, c’era già …e da molto tempo. Ma la novità del positivismo fu una sorta di istanza utopica: il progresso scientifico-tecnologico risolverà ogni problema dell’uomo, e di certo la scienza un giorno risolverà anche il problema della morte.

Il positivismo originò la Belle Epoque e il suo intrinseco ottimismo, ma poi tutto fallì con la catastrofe della Grande Guerra, in cui per la prima volta si utilizzò il progresso scientifico-tecnologico per sterminare i nemici.

Da qui la disillusione: la tecnica non necessariamente risolve i problemi degli uomini, li può anche aggravare.

Le parole di Comte sono interessanti, perché questi, malgrado il suo convinto materialismo, è costretto a riconoscere che i vivi sono dominati dai morti, ovvero che la vita è dominata dalla morte. E poi aggiunge: …in misura sempre maggiore.

Infatti è proprio così …e paradossalmente.

Comte, indipendentemente dal contesto in cui afferma questo, smentisce l’ottimismo positivista: l’uomo è dominato dalla morte.

La morte lo interpella ed essa è in un certo qual modo vittoriosa, perché ineludibile.

Ineludibile quando si realizza; ma ineludibile anche quando non c’è, perché impietosamente permane nel ricordo e nella nostalgia dei propri cari o nella paura di quando toccherà a se stessi.

C’è un solo modo per sconfiggere la morte …e non è il materialismo.

E’ la fede in Colui che dalla morte è resuscitato!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Bisaccia n.53"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*