Che cosa rappresenta la Spagna nell’immaginario islamico? E’ la domanda per capire ciò che è accaduto

In un articolo precedente (da noi chiamati “soste”) abbiamo parlato dell’attentato di Barcellona. Abbiamo tenuto a precisare che il pericolo islamico non è qualcosa che è comparso sul palcoscenico della storia solo negli ultimi anni, ma ci accompagna da secoli e secoli, pur ovviamente con modalità diverse.

Abbiamo selezionato e ridotto per voi un articolo pubblicato su occhidellaguerra.it, a firma di Lorenzo Vita, in cui ben si spiega che cosa rappresenta nell’immaginario islamico la Spagna e perché sia stata fortemente colpita per la seconda volta malgrado questo Stato non sia (almeno negli ultimi anni) in prima linea nella guerra contro il Califfato.

Insomma, a conferma di come questo terrorismo si voglia legare, nell’intenzione di chi lo fa, ai remoti attacchi dell’Islam contro la Cristianità

Dopo 13 anni dall’attacco terroristico nella stazione di Atocha, a Madrid, la Spagna piomba di nuovo nel terrore. (…) le domande si addensano e si attendono risposte, con un’unica grande certezza: il jihad è in Spagna. E scriviamo “è”, e non “è tornato”, per il semplice motivo che lo jihadismo, dalla Spagna, non se n’è mai andato. Come un vulcano dormiente, in attesa di esplodere per mietere nuove vittime, il terrorismo di matrice islamica vive in Spagna da anni, si alimenta di simbologie, di uomini, di reti criminali e di una cultura sotterranea che si è ormai radicata in tutto il territorio spagnolo. Per molto tempo, la politica spagnola e anche l’opinione pubblica che si alimenta di quanto affermato da politica e media, si sono trincerate dietro la colpa del coinvolgimento nella guerra in Iraq da parte di Aznar come motivo dell’attacco di Madrid. In un modo o nell’altro, la Spagna si è autoconvinta di aver pagato il prezzo di quella guerra con quell’attentato e di aver chiuso così la parentesi jihadista contro il Paese.

In realtà, non era affatto così. E se Barcellona è stata la manifestazione più clamorosa e orribile di questa minaccia, ci sono tutta una serie di elementi, di fattori e anche di notizie che, se analizzate nel complesso, mostrano un quadro assolutamente profondo e radicato di un islamismo molto più pericoloso e presente di quanto si credesse. (…) non va mai dimenticato un dato essenziale, e cioè che la Spagna è sempre stata al centro della propaganda jihadista sia di Al Qaeda sia dello Stato islamico. In ogni mappa del mondo secondo l’islamismo radicale, in ogni rivista, in ogni messaggio legato all’Europa, la Spagna è presente, ed è chiamata Al- Andalus: il nome che gli arabi diedero alla penisola iberica ai tempi delle prime razzie contro i regni visigoti. Islam e Spagna – o Al-Andalus – intrecciano da secoli la loro storia, e c’è una parte del fondamentalismo islamico che non ha mai dimenticato quello che per secoli è stato uno dei più grandi territori sotto dominio arabo. La simbologia di Al-Andalus è stata ripresa da tutti. Basti pensare, come esempio, che una delle più pericolose sigle dello jihadismo magrebino, Jamaat Nusrat Al Islam wa Al Muslimin, ha un suo mezzo di propaganda il cui nome è Al-Zallaqa, il nome che i soldati musulmani diedero al campo di battaglia e che significava “terreno scivoloso”, per quanto sangue cristiano era stato versato.

Ora il sangue torna a scorrere in Spagna, ma questa volta non c’è una battaglia, ma purtroppo c’è una guerra. Una guerra sporca, terribile e vergognosa, ma che tale è e per tale va trattata. La Spagna ora si trova di fronte a un attentato, ma anche a molte minacce. I numeri dei detenuti jihadisti sono aumentati esponenzialmente negli ultimi anni. Segno che l’intelligence e la polizia lavorano, ma segno ineluttabile di come sia presente questo pericolo. Nel 2017, per la prima volta, nelle carceri spagnole i detenuti jihadisti hanno superato in numero di detenuti per affiliazione all’ETA. (…).

La Catalogna, terra che ha assistito all’ultimo sanguinoso attacco de Las Ramblas, il fenomeno jihadista e, in generale, del radicalismo islamico, è particolarmente sentito. Barcellona, insieme a Ceuta e Melilla, è considerata una centrale dello jihadismo islamico. E il fatto che inserita insieme alle due enclave in territorio marocchino, dimostra come sia un fenomeno assolutamente rilevante per la città catalana. Il 40% degli arresti per attività legate al terrorismo islamico in tutto il territorio spagnolo, è avvenuto in Catalogna. Di questi, il 95% a Barcellona. Qui la popolazione islamica è in aumento, e pur non esistendo una Molenbeeck catalana, esistono comunque zone in cui è più facile che intorno a centri islamici o moschee radicali si creino aree sostanzialmente franche in cui lo jihadismo si alimenta. Sono le stesse aree da cui in decine sono partiti per combattere nelle fila dello Stato Islamico, e che oggi tornano e contribuiscono ad alimentare il terrore nel Paese che li ha visti nascere o che li ha ospitati. (…).

In molti si domandano se la Spagna sia colpita per un motivo. È difficile darne uno. Non siamo di fronte a un Paese considerato colpevole di guerre o di crimini contro l’islam. E si farebbe l’errore commesso dopo Atocha: cioè quello di voler trovare una sorta di causa-effetto fra guerra e attentati. Le cose non stanno così: l’Isis, Al Qaeda e i loro affiliati (anche i loro fantomatici lupi solitari, che non sono solitari affatto) non colpiscono un Paese perché ha compiuto qualcosa. Semplicemente colpiscono ovunque vi sia un terreno fertile per crescere e per perseguire il loro piano. La Spagna, purtroppo, lo è stato.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Che cosa rappresenta la Spagna nell’immaginario islamico? E’ la domanda per capire ciò che è accaduto"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*