Ci hai mai pensato? Dio, onnipotente, vuole che liberamente corrispondiamo alla sua grazia!

Che grande mistero è quello della cooperazione umana. Di per sé Dio, per salvarci, non avrebbe bisogno di noi, ma vuole che noi accettiamo. Cosa siamo noi rispetto a Lui? Nulla! Eppure Dio vuole che questo nulla, quale noi siamo, corrisponda liberamente. Che grande bellezza… e che grande responsabilità! 
A tal proposito leggiamo cosa scrive padre Gabriele di Santa Maria Maddalena nel suo Intimità divina. Egli così si rivolge al Signore: 

(…) perché sono così pochi quelli che realmente si santificano? Perché io sono così indietro sulla via della santità? Io che ho ricevuto da te non solo il dono del santo battesimo, ma anche quello di tante e tante confessioni e comunioni che dovrebbero già aver aumentato in misura assai grande il mio capitale di grazia? Io che ho ricevuto pure tante grazie attuali, tante ispirazioni e sollecitazioni del tuo amore infinito che mi ha chiamato ad uno stato di consacrazione?

O mio Signore, me lo fai comprendere: Tu che mi hai creato senza di me, non mi salverai, non mi santificherai senza di me. Tu hai già meritato tutto quel che serve per la mia santificazione, moltissimo mi hai già dato, ma io non mi farò santo senza cooperare all’opera tua.

Tu solo sei santo e Tu solo mi puoi santificare, e tuttavia esigi la mia libera cooperazione e l’esigi al punto che se io la rifiutassi, malgrado la tua onnipotenza e il tuo amore infinito, non mi santificheresti.

O Gesù, dunque, per la mia indolenza, per il mio poco amore, per la mia freddezza io posso rendere vani per l’anima mia i tuoi meriti infiniti, tutto il tuo Sangue sparso sulla croce? Come può una povera creatura, che deve tutto al suo Dio, aver l’ardire di ostacolare e d’impedire la tua azione nell’anima sua? Io, piccola formica, avrò il coraggio di fare questo? Non permetterlo, o Signore, non permetterlo mai, e perseguitami con la tua grazia finché non mi arrenderò totalmente ad essa.

Per dimostrarti la sincerità dei miei sentimenti voglio, col tuo aiuto, essere generoso, vincermi su quel punto che più mi costa e dirti il mio sì anche quando più ripugna alla mia cattiva natura. Assistimi col tuo aiuto onnipotente, sorteggi e sostieni i miei poveri sforzi, perché già lo sai che io sono la stessa debolezza. Permetti, o Signore, che io possa accostare le labbra a quella fonte di acqua viva che sgorga da te, fonte di vita e di grazia, di forza e di santità, perché, così dissetato, possa riprendere con novella lena il cammino che mi additi.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza
Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Ci hai mai pensato? Dio, onnipotente, vuole che liberamente corrispondiamo alla sua grazia!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*