Ti aiutiamo a capire brevemente come il Protestantesimo abbia generato il razionalismo moderno

Lutero rifiutò la ragione, tant’è che affermava che essa (la Ragione) non sarebbe altro che una “prostituta del demonio”. Insomma, la ragione non servirebbe per avvicinare a Dio, ma per allontanarsi da Lui.

Detto questo, può sembrare strano e illogico aggiungere che la Riforma abbia dato un contributo significativo per la nascita del razionalismo. E invece non è né strano né illogico.

Razionalismo e Fideismo, infatti, vanno di pari passo: l’uno genera l’altro e l’altro genere l’uno. Lutero credeva che separando la Fede dalla Ragione potesse in un certo qual modo “salvare” la Fede, cioè non farle correre pericoli. E invece è accaduto il contrario, perché la Fede senza la protezione della Ragione s’ipertrofizza danneggiando se stessa, sfociando inevitabilmente nell’emozionalismo e nel settarismo. E ovviamente la Ragione, svincolata dalla Fede, diventa criterio del reale e di tutto. Infatti il razionalismo è una corrente filosofica con la quale si pretende ridurre la realtà alle possibilità conoscitive della ragione umana.

Ebbene la Riforma ha contribuito a far nascere il razionalismo prevalentemente in due campi: l’antropologia e il pensiero politico.

L’antropologia

Partiamo dall’antropologia. Qui la Riforma propone un vero e proprio antropocentrismo conoscitivo, ovvero una sorta di convinzione secondo cui il soggetto umano possa creare la verità. Questo antropocentrismo conoscitivo si esprime in tre convinzioni tipicamente protestanti: l’abolizione del Primato Petrino (negazione dell’autorità del Papa), l’abolizione del sacerdozio ministeriale e il libero esame delle Scritture (rifiuto del Magistero). Tre convinzioni che fanno assurgere il pensiero soggettivo a criterio della Fede.

Pensiero politico

Riguardo l’altro punto, cioè il pensiero politico, va detto che il Protestantesimo apre la strada al laicismo che si esprime soprattutto attraverso due convinzioni luterane: la salvezza solo attraverso la Fede e il rifiuto della tradizionale dottrina cristologica.

La salvezza solo attraverso la fede apre la strada al laicismo, perché se è solo la fede a salvare e non le opere, allora le realtà del mondo o sono totalmente da rifiutare o da accettare così come sono, senza nessuna pretesa di cambiamento. Insomma, è questa una convinzione che paralizza qualsiasi agire cristiano nel mondo, per cui il mondo stesso o va totalmente rifiutato (da qui il settarismo di alcune comunità protestanti) o accettato senza problemi (da qui il laicismo di altre comunità protestanti).

Ma anche il rifiuto della tradizionale dottrina cristologica apre la strada al laicismo. Secondo un importante studioso di Lutero, il tedesco Theobald Beer (1902-2000), ci sarebbe un lato oscuro del pensiero dell’Eresiarca che solitamente non viene evidenziato, ovvero il suo rifiuto della tradizionale dottrina cristologica dell’unione ipostatica (duplice natura, umana e divina, in un unico soggetto, divino). Lutero –sempre secondo Beer- afferma che Cristo sarebbe composto ma non costituito di natura umana e di natura divina. Cioè natura umana e divina si sarebbero unite accidentalmente in Cristo. Una tale affermazione significa una negazione dell’unità personale di Cristo, l’ammissione di due persone in Cristo e la sottomissione al diavolo della persona umana di Cristo stesso. L’umanità e le cose umane, pertanto, non sarebbero mai totalmente sanabili. Lutero scrive che Cristo opera per la nostra salvezza: “Sine humanitate cooperante”. E in un commento alla lettera ai Galati, del 1531, aggiunge: (…) altro è l’Abramo che crede, altro l’Abramo che opera, altro il Cristo che opera (…) distingui queste cose come il Cielo e la Terra. (…) Che l’umanità di Cristo sia sottomessa al diavolo è testimoniata dal fatto che l’umanità di Cristo finisce con la morte”.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

 

 

Share on:

Be the first to comment on "Ti aiutiamo a capire brevemente come il Protestantesimo abbia generato il razionalismo moderno"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*