E’ vero che l’Illuminismo valorizzò la Ragione? Sì, ma quella falsa!

di Corrado Gnerre

Si ritiene che l’Illuminismo abbia finalmente scoperto e valorizzato la ragione.

E’ davvero così? Sì e no.

Piuttosto si può e si deve dire che l’Illuminismo abbia imposto un nuovo modello di ragione, autosufficiente ed autoreferenziale.

Una ragione che pretende essere misura e chiave di comprensione di tutto (ragione autosufficiente) e anche in un certo qual modo creatrice della realtà stessa (ragione autoreferenziale).

Insomma, secondo questo modello, tutto ciò che la ragione non può comprendere e spiegare è come se non esistesse.

Un tale modello, però, crea il deserto conoscitivo. 

Cosa infatti può essere davvero compreso dall’uomo? Nemmeno se stesso. L’uomo -si sa- è sempre un mistero a se stesso.

Shakespeare “risponde” a questa tentazione di ragione illimitata quando fa dire ad Amleto queste parole: “Ci sono più cose in cielo e in terra che non nella tua filosofia, Orazio.” 

Invece, il vero modello di ragione è un altro.

E’ il modello secondo cui essa (la ragione) può farci conoscere il reale (da qui la sua indispensabilità), ma non può farcelo comprendere.

Comprendere” nel senso letterale di “cum-prehendere“, cioè di “mettere dentro“, ovvero esaurirne il mistero.

La ragione illuminista, e anche quella neo-illuminista, invece, odiano il mistero.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri 


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "E’ vero che l’Illuminismo valorizzò la Ragione? Sì, ma quella falsa!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*