FIACCOLA – 26

Il cammino, soprattutto se procede nell’oscurità, ha bisogno di luce. I pellegrini di un tempo utilizzavano le fiaccole. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri le fiaccole sono alcuni aneddoti edificanti che si offrono come modelli per uscire vincitori dalle prove e dalle angustie del vivere.
Attingiamo luce da esse.

Cari pellegrini, l’Immacolata deve essere la compagna della nostra vita. A Lei dobbiamo affidare tutto e con Lei dobbiamo vivere tutto.

San Luigi Gonzaga, passeggiando per le sale e i corridoi del Collegio, recitava Rosari e Rosari.

Era talmente attratto quando così pregava che se gli passava qualche confratello dinanzi e lo salutava, non se ne accorgeva neppure e continuava a sgranare attentissimo la corona.

La Madonna lo rapiva.

Facciamo rapire anche noi da Colei che è la Regina dello Splendore!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "FIACCOLA – 26"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*