GLI SCARPONI – 7

Per affrontare un cammino occorrono delle scarpe robuste, capaci di non appesantire il passo ma anche di resistere alla durezza del terreno e alle intemperie. Fuor di metafora, nel Cammino dei Tre Sentieri gli “Scarponi” sono gli insegnamenti della sapienza che viene da Dio per poter sostenere il passo dell’esistenza.

Nei tempi in cui c’era la fede, Dio aveva un posto ben diverso nella vita. La legge delle primizie gli consacrava i primogeniti dell’uomo, degli animali e dei prodotti della terra. In tutto la prima parte era per Lui. La preghiera e il segno della croce erano dappertutto; le azioni ordinarie della vita portavano sempre un segno religioso. Gli atti pubblici e quelli privati si facevano nel nome del Padre e del Figliuolo e dello Spirito Santo. Nulla si faceva senza Dio. Se si parlava d’un progetto, si diceva: se piace a Di. Se si era ottenuto un felice successo: grazie a Dio. Se si era ottenuto un felice successo: grazie a Dio. Se si era ottenuto un felice successo: grazie a Dio. Prima, si faceva assegnamento su di Lui; dopo, lo si ringraziava. La vita privata e quella pubblica erano orientate verso l’onore di Dio. Si era i servi di Dio. Il più sacro interesse dei popoli era l’onore di Dio, e il delitto più esecrato era il sacrilegio. La legislazione pubblica, i costumi del popolo, le istituzioni sociali e le idee correnti erano segnate d’una profonda impronta religiosa. L’uomo aveva le sue passioni e le sue colpe; ma al di sopra delle passioni umane, dovunque vedevasi dominare l’idea di Dio.

(Dom Francois de Sales Pollien – Cristianesimo vissuto)

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "GLI SCARPONI – 7"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*