Guai a criticare le agenzie di rating! Mentre si può farlo con chi lavora con dati reali

Giorni fa il Center for European Politics ha fornito dei dati impietosi sulle conseguenze dell’introduzione dell’euro per i singoli Stati.

Prima di tutto si afferma: “La Germania è stata il paese che, dall’introduzione dell’euro, ha guadagnato più di tutti: quasi 1,9 trilioni di euro tra il 1999 e il 2017, ovvero 23.000 euro per abitante. Tra gli altri paesi ha guadagnato solo l’Olanda”.

Poi ciò che a noi interessa: “(…) la Francia ha perso fino a 3,6 trilioni di euro, mentre l’Italia fino a 4,3 trilioni di euro. Rispettivamente, la perdita pro-capite è stata pari a 56.000 e 74.000 euro”.

Non è che ci volesse un’agenzia di esperti, son cose che la buona casalinga di Voghera aveva già ben capito frequentando quotidianamente il mercato delle verdure.

La cosa però che fa riflettere non è il fatto in sé, che -come abbiamo detto- è ben risaputo; piuttosto è la reazione a questa indagine.

Prima di tutto è stata -di fatto- una non-reazione, nel senso che ne hanno parlato in pochi. Secondo, c’è stato qualcuno che ha preteso smentire un’indagine di questo tipo. Su Radiouno uno dei tanti analisti economici (ovviamente pro-euro) ha detto che il metodo usato in questa indagine non sarebbe attendibile.

Ora, volendo anche ammettere che siano stati utilizzati metodi non attendibili, la cosa che fa pensare è che lo stesso tipo di diffidenza viene stigmatizzata quando la si fa con le cosiddette agenzie di rating. Con una differenza di non poco conto: le agenzie di rating lavorano su previsioni dove l’aspetto ideologico gioca un ruolo non di poco conto, i risultati dell’agenzia di cui sopra si è invece servita di dati reali. Insomma, non si capisce perché le agenzie di rating, che prevedono, sarebbero credibili, mentre un’agenzia che lavora su dati reali ed oggettivi, no.

Ma meno male che c’è la casalinga di Voghera che capisce come stanno davvero le cose!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "Guai a criticare le agenzie di rating! Mentre si può farlo con chi lavora con dati reali"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*