Guardando… un farmaco sul comodino

La posizione dello sguardo, il privilegio dell’osservazione, il partire dal vedere e dal constatare è non solo la posizione più ragionevole, ma anche quella più intelligente. La parola “intelligenza” viene dal latino “intus-legit” che significa “leggere dentro”. L’intelligenza, pertanto, implica non una conoscenza superficiale ma una conoscenza dentro la realtà. Appunto: la realtà! L’intelligenza ha bisogno della realtà, non ne può fare a meno. Se la realtà non esistesse, non ci sarebbe modo di poter esercitare l’intelligenza, non ci sarebbe modo di essere intelligenti. Ed è la realtà che ci rimanda alla bellezza della Verità Cattolica … perché tutto è cattolico, perché tutto è di Dio!’

Guardando… un farmaco sul comodino

La salute è un bene prezioso; e sarebbe offensivo nei confronti di Dio se si volesse evitare di prenderla in considerazione. La Bibbia stessa fa un’esaltazione del medico: “Onora il medico come si deve secondo il bisogno, anch’egli è stato creato dal Signore.” (Siracide 38)

Sanare il corpo è al di là della pura attenzione alla materia. Sanare il corpo è un fatto spirituale.

Esso è un desiderio; e, come tutti i desideri, si pone nella volontà e non nella costrizione dell’istinto.

Desiderare che qualcosa si realizzi al di là della situazione presente, impone non solo il capire il presente, ma anche ciò che può essere al di là di esso. Insomma, cercare di superarlo, cioè risolverlo.

Un farmaco sul comodino è una scena banale, a cui solitamente non si pone attenzione. Ma un farmaco su un comodino può svelare un’evidenza: che l’uomo non è fatto per essere schiacciato passivamente da ciò che accade.

L’uomo è, invece, capace di capire ciò che accade e desiderare di risolverlo.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "Guardando… un farmaco sul comodino"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*