I dalit protestano. Chi sono e perché esistono? Ricordiamolo agli orientalisti dei nostri salotti radical-chic

epa06641348 Dalit people shout slogans as they burn an effigy representing Indian Prime Minister Narendra Modi during a 'Bharat Bandh', or nationwide strike call given by several Dalit organisations, in Amritsar, India, 02 April 2018. The strike call was made by the Dalit organisations to protest against the alleged 'dilution' of Scheduled Castes/Scheduled Tribes (SCs/STs) (Prevention of Atrocities) Act, by the Supreme Court. Mobile internet and state run bus services have also been suspended in the state in wake of the strike call. EPA/RAMINDER PAL SINGH

Nei giorni scorsi sono scoppiate in India manifestazioni da parte dei cosiddetti “dalit”, ovvero coloro che sono talmente in basso nella gerarchia sociale da essere considerati “fuori casta”.

Questa notizia ci dà la possibilità di riflettere sul fenomeno delle caste. Di capire perché esistono e soprattutto perché l’Induismo non solo le giustifica, ma le promuove anche. E’ evidente che le leggi dell’India moderna formalmente le negano, ma di fatto nella cultura di quel Paese rimangono vive e incidono non poco sui comportamenti sociali.

Anche da questo si capisce quale e quanta differenza esista tra il Cristianesimo e altre cosiddette religioni.

Pertanto domandiamoci: perchè l’Induismo impone una società divisa rigidamente in caste?

La risposta è semplice: le caste sono in perfetta coerenza con la dottrina indù. Non sono una sorta di bubbone che si può recidere senza intaccare l’organismo, ma una struttura costitutiva delle credenze di questa cultura e di questa religiosità.

Ciò può dispiacere a qualcuno, ma è così. Non si può pretendere di criticare le caste e poi, nello stesso tempo, ammirare l’Induismo.

Molti orientalisti dei nostri salotti radical-chic questa pretesa ce l’hanno, ma non ha senso, è illogica.

Spieghiamo: il fondamento della cultura indù è il monismo; la convinzione, cioè, che la realtà è fatta di una sola sostanza che si esprime differenziandosi. Gli induisti credono in un essere impersonale che costituisce questa unica sostanza, il brahman. Quando il brahman si individualizza diviene atman; ma rimane sostanzialmente brahman. Il monismo non solo causa la negazione del concetto di persona (intesa come realtà individuale e libera), ma anche la negazione di tutto ciò che è strettamente legato alla persona. Soprattutto alla libertà e alla dignità di ogni essere umano. Se esiste solo il tutto, l’individualità si annulla in un magma indistinto. Insomma, per l’Induismo l’individuo è solo una realtà apparente e momentanea, come l’onda che vien fuori dalla superficie del mare e poi si dissolve nel mare stesso.

Dal monismo consegue una visione fatalistica della realtà. Dal momento che il reale è uno e dal momento che non esiste spazio per l’individualità nè ontologico (cioè riguardo all’essere) né tantomeno pratico (riguardo alla morale), allora tutto ciò che si verifica va accettato così come è, perché espressione del brahman, in quanto tutto è brahman. Non esiste il negativo; anzi tutto deve essere considerato positivo. Se tutto è Dio, ogni avvenimento che si realizza è necessariamente buono, indipendentemente da cosa e da come si realizza.

L’uomo delle religioni orientali è costretto ad accettare il reale così come è e non può far nulla per modificarlo. La volontà di modificare delle situazioni figurerebbe solo come non convinzione che tutto è assoluto. Pensare: io non voglio accettare questa situazione perché mi è ostile, vuol dire credere che sia negativa; e credere ciò, significherebbe che si possono realizzare contesti che non siano l’assoluto. All’uomo della religiosità orientale non è logicamente permesso di intervenire sulla dinamica del reale e della storia.

Dal monismo consegue anche la dottrina della reincarnazione. Il reale è uno e l’individualità un’illusione: l’uomo deve capire che è solo una scintilla che si è momentaneamente separata dal brahman; e la sua aspirazione deve essere quella di spogliarsi definitivamente di questa individualità illusoria, per tornare nuovamente ad essere una sola cosa con il brahman. Ma per far questo una sola vita può non bastare. Il ciclo delle continue reincarnazioni (il karman) serve come purificazione per poter raggiungere la meta ambìta dell’unificazione con il brahman.

Veniamo al dunque: dalla dottrina della reincarnazione consegue la rigidità della società.

Le caste indù sono l’esito di come si è vissuta la vita precedente. Vivere in una determinata casta può essere un premio o una punizione; ma –attenzione!- coltivare dei desideri di emancipazione sociale, significherebbe non voler accettare la legge del karman.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri 

Share on:

Be the first to comment on "I dalit protestano. Chi sono e perché esistono? Ricordiamolo agli orientalisti dei nostri salotti radical-chic"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*