LA BELLEZZA DEL TEMPO – Mese di Maggio all’Immacolata: Ventisettesimo Giorno

La Santissima Vergine nostra Madre è anche la Madre, la degna Madre, di Gesù.

Gesù, esiliandosi sulla terra, la creò appositamente perché tenesse il posto, presso di Lui, di tutta la Corte celeste; le dette dunque un Cuore capace, per estensione, profondità e tenerezza, di comprendere e consolare il Suo.

Il Padre celeste ne fece la Figlia prediletta, esaurendo, in qualche modo, la sua sapienza, la sua potenza, la sua eternità nel pensare a Lei e prepararla alla dignità di Madre del Figlio di Dio.

Lo Spirito Santo, a sua volta, l’ornò come Sposa dilettissima con l’infinita misura dei suoi doni, l’arricchì di tutte le grazie.

La fece Immacolata, sola creatura esente dal peccato originale e da tutte le sue tristi conseguenze.

La conservò, con privilegio unico, in un’innocenza assoluta che eclissa quella di tutti gli Angeli.

Gesù la riscattò con gelosa tenerezza, prima di qualunque colpa, per i meriti futuri del suo Sangue.

La destinò così, in qualche modo, ad assicurare Lei sola con la sua bellezza, la sua purezza, la sua santità, il frutto della Redenzione al mondo intero.

(Padre Joseph Schryvers)

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "LA BELLEZZA DEL TEMPO – Mese di Maggio all’Immacolata: Ventisettesimo Giorno"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*