LA BELLEZZA DEL TEMPO – Natale: Avvento – Il Bambino delle nevi che cambia il gelo in calore

Leggiamo questa poesia sul Natale che Chesterton ha scritto nel 1915:

Son appannati i vetri, s’ode un inno

mai prima né poi ripetuto,

forti le notti per più lungo buio,

un buio che di pioggia è vivo

Solo col ghiaccio e le neve capiamo

dove siano i grandi fuochi che è fiera gioia il centro della terra.

e che il suo cuore è una stella.

Giungiam nella notte all’antico ostello

Dove è chiuso il bimbo nel gelo,

seguiam le orme di tutte le anime

nell’ostello alla fin del mondo.

Su foglie rosse sian morti gli dei,

ché il sole lanciò la sua fiamma,

su foglie d’oro stan freddi gli dei,

e solo avanza un Bambino.

 

Che cosa ci ha voluto dire Chesterton?

Che i grandi fuochi si possono assaporare solo con il “ghiaccio” e con la “neve”, è allora che diventano calore di salvezza.

E’ il “gelo” della Croce che apre all’incontro della Consolazione.

Poi Chesterton aggiunge che il “cuore della terra” è una Stella.

Perché è una Stella e quale Stella?

E’ la Stella che ha indicato il sentiero per arrivare a quel Bambino che ha cambiato le sorti della storia, del mondo e della propria vita.

E’ la Stella che finalmente ha dato senso a tutto.

Insomma, il vecchio mondo è finito, anzi è rinato.

Grazie a quel Bambino delle nevi il gelo è diventato paradossalmente calore!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "LA BELLEZZA DEL TEMPO – Natale: Avvento – Il Bambino delle nevi che cambia il gelo in calore"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*