“Quanto più l’inondazione si allarga, tanto più torbida e tanto meno profonda diventa l’acqua” (Franz Kafka)

Rubrica a cura di Corrado Gnerre


Tra gli strumenti di un cammino vi è la bisaccia, una borsa con cui poter portare il piccolo necessario; non certo il pasto che i pellegrini chiedevano e chiedono agli ostelli, ma qualche semplice e piccolo boccone per sostenere il passo. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Bisaccia”  è un insegnamento della sapienza naturale con cui poter sostenere il passo dell’esistenza e confermare la scelta della bellezza della Verità Cattolica. 


Quanto più  l’inondazione si allarga, tanto più torbida e tanto meno profonda diventa l’acqua.

(Franz Kafka – Conversazioni con Gustav Janouch)

Il  fenomeno dell’inondazione richiama una realtà  ben precisa: l’allagamento. L’acqua, che pure è indispensabile per la vita, diventa talmente tanta da uccidere la vita piuttosto che alimentarla.

Dopo un’inondazione, il terreno perde tutti i suoi frutti e i danni sono ingenti.

C’è un detto popolare che dice “il  troppo…stroppia“, cioè un conto è la giusta quantità (l’equilibrio), altro l’eccessiva abbondanza che rende tutto non solo innaturale, ma in un certo qual modo impossibile.

Quando fa freddo, è opportuno coprirsi bene, ma se si volessero indossare quattro cappotti uno sopra l’altro, si diverrebbe non solo ridicoli, ma sarebbe impossibile muoversi.

Quando l’uomo “allarga” se stesso e crede di essere tutto per sé, cioè di poter bastare a se stesso, allora è come se si annullasse.

Ma non solo: diventa “torbido” e “meno profondo”.

“Torbido”: cioè non più limpido. L’uomo che crede di essere risposta a se stesso, in realtà dice a se stesso una bugia e la vita gli apparirà non come un cristallo lucente, bensì come una polverosa e fangosa menzogna.

“Meno profondo”: l’uomo che crede di essere risposta a se stesso, finirà con il non capirsi più e alla fine si convincerà  di aver bisogno di cose basse, volgari, inutili.  Si ridurrà a strisciare sul suo ventre come  una serpe, piuttosto che volare alto come un’aquila.

Insomma, proprio come dice Kafka: Quanto più l’inondazione si allarga, tanto più torbida e tanto meno profonda diventa l’acqua.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "“Quanto più l’inondazione si allarga, tanto più torbida e tanto meno profonda diventa l’acqua” (Franz Kafka)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*