La Borraccia n.133

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.

L’ACQUA

La fede, data gratuitamente dallo Spirito, supera tutte le forze umane, per cui chi la possiede può dire a questo monte: ‘Spostati da qui a lì!’. Ed esso si sposterà.
(San Cirillo di Gerusalemme – Catechesi battesimale, 5)

I SORSI

1

Cari pellegrini, questa volta non partiamo da un’immagine, bensì da un video preso dalla Rete (clicca qui). Mamma Orsa interviene velocemente per salvare il suo cucciolo che sta annegando.

2

Spesso ci siamo intrattenuti sottolineando come nel mondo animale la Provvidenza abbia inserito dei comportamenti positivi o negativi affinché potessero simboleggiare per gli uomini l’esercizio delle virtù o dei vizi. Ovviamente si tratta di comportamenti, quelli animali, del tutto istintivi e non deliberati, ma che sono evidenti.

3

Ci sono degli animali che istintivamente ci procurano tenerezza e quindi esprimono una simbologia positiva e ci sono altri animali che altrettanto istintivamente ci procurano ribrezzo e quindi esprimono una simbologia negativa.

4

Torniamo al video. Mamma Orsa si getta agilmente nell’acqua malgrado la sua stazza, non “preoccupandosi” (le virgolette sono giustificate per la non consapevolezza) della sua incolumità pur di salvare il cucciolo.

5

Nell’ acqua di questa borraccia san Cirillo di Alessandria (378-444) ci dice che la fede supera tutte le forze umane, per cui chi la possiede acquista potenza e può spostare anche le montagne.

6

Cari pellegrini, la fede è data “gratuitamente dallo Spirito”, il che vuol dire che è un dono. Un dono che ricevono tutti e a cui si deve corrispondere. Dunque, dono sì, ma anche libera corrispondenza umana, e quindi merito personale.

7

Soffermiamoci, però, su un concetto molto importante espresso dalle parole di san Cirillo: “… la fede supera tutte le forze umane.” Verissimo. Chi ha fede diventa notevolmente (anzi: incomparabilmente) più forte di chi non la possiede. San Pio da Pietrelcina (primo patrono, insieme all’Immacolata, de Il Cammino dei Tre Sentieri) amava dire: “Chi ha Dio, ha tutto!” Cioè, non c’è maggiore ricchezza della fede.

8

Perché la fede supera tutte le forze umane? La risposta è molto semplice e di fatto l’abbiamo già data: perché avere veramente fede vuol dire non solo credere in Dio, ma anche vivere di Dio. E chi vive di Dio, viene trasformato in Lui… e tutto può con Lui. In un certo qual modo (solo “in un certo qual modo”) partecipa della Sua Onnipotenza.

9

Ed ecco perché ai santi nulla era ed è precluso. Dinanzi ad una fede granitica, Dio è come se “cedesse” e arriva a concedere ciò che Gli viene chiesto.

10

Cari pellegrini, chi ha fede, può tutto, può spostare anche le montagne. La mamma orsa del video non sente più l’enorme peso del suo corpo e si getta nell’acqua per fare ciò che è giusto fare. Così avviene nella fede, ciò che è Giusto ed è Vero si impone; e la fede nel Signore ci rende agili e leggeri nel seguire il Bene.

Al Signore Gesù

Signore, con questa borraccia ti chiedo di poter avere fede. Almeno pari a quella di un “granello di senape” (Matteo 13).
Signore, non mi serve nient’altro che la fede, solo quella. Solo la fede mi basta, il resto non serve.
E ti chiedo anche che questa fede non la possa mai perdere, che la sappia custodire da tutti i pericoli, da tutte le insidie; prime fra tutte la mia insipienza e la stoltezza del mondo.

Alla Madre Celeste e dello Splendore

Madre Celeste,
mia compagnia della vita,
mio sostegno,
mia forza,
mia dolcezza,
mia comprensione,
mio rifugio…
rafforza la mia fede nel Tuo Divin Figlio,
fa che mai l’abbandoni,
stringimi a Te…
e arriverò sicuro al Porto dell’Eternità.
Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "La Borraccia n.133"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*