La Borraccia n.148

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.

L’ACQUA 

Fratelli: Non cessiamo di pregare per voi e di chiedere che siate ripieni della conoscenza della volontà di Dio, con ogni sorta di sapienza e di intelligenza spirituale, affinché vi riportiate in maniera degna di Dio, da piacere a lui in tutte le azioni…

(San Paolo Apostolo – Colossesi 1) 

I SORSI 

1

Cari pellegrini, cosa chiediamo ad un fiore quando lo poniamo dinanzi ad un’immagine di Gesù o della Sua Santissima Madre? Che onori quella immagine. Semplicemente questo. In un certo qual modo chiediamo al fiore che “faccia il fiore. Questo basta per spiegare la sua presenza in quel determinato posto: essere dinanzi a quella immagine.

2

L’acqua di questa borraccia è costituita da alcune parole di san Paolo. C’è un passaggio su cui si deve soffermare la nostra attenzione. L’Apostolo dice ai cristiani di Colosso di comportarsi in maniera degna affinché si possa “piacere a Dio in tutte le azioni.”

3

Chissà quante volte abbiamo sentito dire che bisogna piacere a Dio. Soprattutto da bambini, al catechismo, ci dicevano: “Comportati bene così Dio è contento…” oppure: “Non fare il cattivo, così Dio non si dispiace…”.

4

Si tratta di affermazioni e concetti così scontati e su cui non ci si riflette abbastanza; scivolano sulla nostra vita senza che ce ne rendiamo effettivamente conto.

5

Per non parlare di quando la nostra mente si complica e pensiamo di essere più “intelligenti” deridendo quella religiosità semplice secondo cui c’è un Dio che ci ama talmente da non rimanere indifferente dinanzi a ciò che pensiamo, scegliamo, facciamo.

6

Eppure la realtà delle cose è molto più semplice di quanto possiamo immaginare. Così anche Dio è molto semplice: è l’Essere nella sua pienezza, è il massimo della semplicità. Noi, invece, siamo complicati.

7

La semplicità di Dio impone la semplicità nell’essere cristiani. Infatti alla domanda: “Che significa essere cristiani?” La risposta è una sola ed è appunto semplicissima: “Fare ciò che Dio vuole!”

8

Siamo soliti non pensarci, eppure è così: secondo il Cristianesimo tutta la storia, tutta la nostra vita, i nostri sforzi, le nostre molteplici attività, si riconducono ad una questione: aver fatto o meno la volontà di Dio.

9

Se osserviamo la natura, ci accorgiamo che essa è ordinata; tutto ha un fine ben preciso; tutto si riconduce ad un’armonia. Ebbene, quest’ordine, questa finalizzazione, questa armonia sono un chiaro richiamo al “Comandamento di tutti i Comandamenti”: fare la volontà di Dio. Corrispondere all’Ordine, al Fine, all’Armonia.

10

Quando ci sarà il giorno del Giudizio, quante piazze, strade, viali, aeroporti, stazioni ferroviarie crolleranno… nel senso che chissà cosa ne è stato e ne sarà di tutti quei personaggi famosi a cui quelle piazze, quelle strade, quegli aeroporti e stazioni ferroviarie furono intestati. E chissà quanti sconosciuti verranno glorificati dinanzi a tutti per una “semplicità”: aver fatto unicamente la volontà di Dio.

11

Quando i tempi finiranno, quando le somme saranno tirate, conterà solo se siamo stati come il fiore dinanzi all’immagine sacra. Se abbiamo fatto, cioè, ciò che dovevamo fare: onorare Dio.

Al Signore Gesù

Signore, in questa borraccia ti chiedo la grazia più importante: poter fare sempre la tua volontà. Null’altro mi serve che questo.

Alla Madre Celeste e dello Splendore

Madre, Tu sei la creatura che ha in sé, nel suo essere e nel suo cuore, il desiderio di fare unicamente la volontà di Dio: “Ecce ancilla Domini, fiat mihi secundum verbum tuum.”

E proprio per questo non c’è creatura più semplice di te, Madre.

Tienimi allora stretto al tuo fianco, non permettere che mi smarrisca, e indicami solo una cosa: fare la volontà del tuo Divin Figlio.

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

 

 

 

 

 

Share on:

Be the first to comment on "La Borraccia n.148"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*