La Borraccia n.196

L’ACQUA

Mio amato Redentore, ecco il mio cuore, te lo affido interamente; non è più mio, è tuo.

(Sant’Alfonso Maria dei Liguori)

I SORSI

1

Cari pelelgrini, i gioielli, l’argenteria e ciò che eventualmente si avesse di prezioso dove solitamente viene custodito? In un luogo sicuro. Una buona cassaforte fa ottimamente al caso.

2

Solo gli ingenui non si preoccupano e pensano che ciò che è prezioso potrebbe stare a vista e alla portata di tutti.

3

Nell’acqua di questa borraccia sant’Alfonso affida interamente il suo cuore a Gesù, precisando di regalarlo totalmente a Lui.

4

Perché sant’Alfonso dice questo? Per un motivo che può sembrare paradossale ma non lo è. Perché vuole salvare ciò a cui tiene.

5

In un certo qual modo possiamo dire che sant’Alfonso regala a Dio il suo cuore per possederlo meglio, per far sì che non si perda e venga custodito nel modo migliore possibile.

6

Gabriele D’Annunzio è stato quello che è stato e ha scritto quello che ha scritto, ma è bellissima una delle frase che preferiva e che aveva scoperta incisa in una pietra del focolare. La frase dice così: “Io ho quel che ho donato”.

7

E’ vero. Se si dona, si possiede. Se non si dona, si finisce con il perdere.

8

Attenzione: non solo se non si dona, si finisce con il perdere, ma si finisce anche con il perdersi, cioè con il perdere se stesso.

9

Il motivo è presto spiegato. Perché quando si pretende di possedere totalmente ciò che si ha, si finisce con l’esserne posseduti. Si finisce con il diventarne schiavi.

10

Ed ecco perché sant’Alfonso affida il suo cuore a Gesù. Affinché questo si salvi, venga adeguatamente custodito… e quindi poterlo ritrovare.

11

Come quando si mettano al sicuro i gioielli. Verrà il giorno in cui si ritroveranno senza la delusione di scoprirli trafugati.

Al Signore Gesù

Signore, non sono sant’Alfonso. Sono quello che sono, ma anch’io voglio donarti il mio cuore.

E’ ben poca cosa, ma accettalo e custodiscilo.

Alla Madre Celeste e dello Splendore

Madre, Tu sei colei che più di tutte le creature si è donata al Signore.

E Tu sei Colei che più di tutte ha ricevuto il dono di Dio stesso. L’hai avuto nel tuo grembo!

Hai donato il tuo cuore e Dio ti ha donato il suo!

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "La Borraccia n.196"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*