La Borraccia n.362

Tra gli strumenti di un cammino vi è la borraccia con cui portarsi dietro dell’acqua per idratarsi. Fuor di metafora, ne Il Cammino dei Tre Sentieri la “Borraccia” è la meditazione. I vari punti sono i “sorsi” della meditazione.

362

L’ACQUA

Ciò che è nascosto nel tempo, la fede lo vede

(Basilio di Seleucia, vescovo)

I SORSI

1

Nel settembre del 1683, Vienna era ormai allo stremo. Assediata dai Turchi e nessuno che veniva in suo soccorso. Ormai si era deciso di arrendersi, con tutto ciò che questo avrebbe comportato. Ma il legato pontificio, il beato Marco d’Aviano (1631-1699), frate cappuccino, riuscì a ridare fiducia ai resistenti promettendo loro che, se avessero avuto fede, la Vergine avrebbe mandato qualcuno ad aiutarli. Quando tutto ormai volgeva al peggio, avvenne il miracolo: giunsero le truppe del re polacco Giovanni Sobieski. I Turchi vennero sconfitti e Vienna fu salva.

2

Basilio di Seleucia fu vescovo. Non si conosce l’anno di nascita, ma morì nel 468. L’acqua di questa borraccia è costituita da alcune sue parole tratte da un commento all’episodio evangelico riguardante la donna che chiese a Gesù che i figli potessero ricevere un posto importante nel futuro Regno (Matteo 20).

3

Basilio non si sente di criticare totalmente la donna per la richiesta imprudente. Piuttosto intravede in lei una grande fede. Non solo perché ha capito che Gesù trionferà, ma anche perché, indipendentemente dall’aver colto o meno l’essenza del Regno, con la sua fede vedeva lontano.

4

Ed ecco perché Basilio conclude con queste parole: …ciò che è nascosto nel tempo, la fede lo vede.

5

Più volte abbiamo fatto cenno al tempo. E abbiamo detto che fondamentalmente ci sono due possibili atteggiamenti nei confronti di esso. O lo si vede come un susseguirsi casuale di fatti, senza un principio e senza un fine da raggiungere; oppure lo si concepisce come un itinerario in cui entrano in gioco due fattori: la libertà dell’uomo e l’azione della Provvidenza.

6

E’ ovvio che in questa seconda ipotesi, il tempo non può essere un susseguirsi casuale di fatti, bensì ha un senso, cioè ha un’origine e ha anche un fine predeterminato da raggiungere.

7

Il cristiano non ha libertà di scelta dinanzi a questi due modi di intendere il tempo. Egli non può che far suo il secondo.

8

Questo non significa che allora al cristiano tutto sarà immediatamente chiaro, cioè che tutto ciò che gli capiterà diventerà intellegibile, cioè comprensibile. Significa piuttosto che, al di là dei fatti, dovrà sempre scorgere qualcosa che è nascosto, velato, ma che è comunque presente: la volontà di Dio.

9

Una volontà che si realizza nella sua permissione di ciò che avviene nel tempo.

10

Una volontà che si manifesta gradualmente nel fine che si avvicina con il trascorrere del tempo.

11

Una volontà che è presente nella signoria di Dio sul tempo.

12

Sant’Agostino nel Civitate Dei (la prima grande opera di Teologia della Storia) dice che non si sa quante battaglie il male potrà vincere, ma di sicuro l’esito della guerra è segnato, e non potrà che trionfare il Bene.

13

Ed ecco perché la Verità Cattolica impone una fede che sappia scorgere nel tempo ciò che è nascosto sì, ma che è indiscutibilmente e indubitabilmente presente.

14

E ciò che è già presente è il trionfo di Dio!

15

Anche quando tutto sembra volgere verso il peggio, anche quando tutto sembra non avere senso, anche quando il male sembra avere il sopravvento… se si ha Fede, bisogna solo attendere e tutto cambierà.

16

E ciò che è nascosto diverrà palese!

17

 Che ne sarebbe stato di Vienna, se i Viennesi non si fossero fidati del beato Marco d’Aviano?

18

Tutto era nascosto, ma ebbero fede …nella Fede di quel frate che vedeva lontano.

Al Signore Gesù

Signore, donami una fede che sia veramente tale.

Domani una fede che sappia scorgere ciò che umanamente è difficile scorgere.

Alla Madre Celeste e Regina dello Splendore

Madre, a te la fede non è mai venuta meno.

Anche nei momenti più tristi, ai piedi della Croce, non dubitavi.

Anche nel silenzio del Sabato Santo, non dubitavi.

Voglio che Tu mi sia sempre accanto, affinché anche la mia fede, che è quella che è, possa beneficiare della tua grazia e della tua forza.

Madre, accompagnami nel cammino di questo giorno.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "La Borraccia n.362"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*