La conosci la causa del perché oggi ci sono tanti cattolici “fai da te”? Te lo diciamo noi

Le varie tipologie di cattolico che si riscontrano ai giorni nostri le abbiamo evidenziate nell’articolo di qualche giorno fa: Tu che tipo di cattolico vuoi essere? Noi abbiamo già scelto… speriamo di riuscirci!

Un elenco così lungo di modi di essere cattolico (che è una contraddizione in termini) è l’effetto della crisi, non la sua causa; è l’effetto di qualcosa che ha radici molto più indietro nel tempo.

E’ un riflesso a lungo termine di quello che San Pio X definì «la sintesi di tutte le eresie» (Pascendi Dominici Gregis, 1907): il modernismo.

Prima di questo, infatti, in quasi 2000 anni, mai c’era stato un modo diverso di essere cattolici.

Si può essere cattolici in un solo modo, quello che l’articolo sopra citato ha definito “Cattolico della Tradizione o semplicemente: Cattolico”. Insomma, il dover constatare che c’è chi è cattolico in un modo e chi in un altro, può essere solo la spia che c’è qualcosa che non va.

Il modernismo è «l’indirizzo eterodosso, delineatosi fra gli studiosi cattolici alla fine del secolo scorso (1800, ndr) e nei primi anni del presente (1900, ndr), che si proponeva di rinnovare e interpretare la dottrina cristiana in armonia col pensiero moderno» (Enciclopedia Cattolica, 1952).

Come abbiamo già detto, san Pio X lo definì «la sintesi di tutte le eresie» perché è «un complesso di errori in tutti i campi della dottrina cattolica (S. Scrittura, dogmi, culto, filosofia)» (Enciclopedia Cattolica, cit.).

Più sinteticamente possiamo dire che il modernismo è la relativizzazione del dogma con la conseguente centralità del “soggettivo”, per cui non ci sarebbe nulla di definito e di definitivo (men che meno le verità cattoliche), ma tutto sarebbe in divenire.

Risultato: il possibile, anche continuo, adattamento del proprio credo alle diverse esigenze portate dalla vita nel corso del tempo.

Il cambiamento perseguito dal modernismo era, ed è, quello di un’accettazione incondizionata del principio dell’immanenza, con l’esperienza soggettiva che diventa elemento principale per una più giusta comprensione della fede, dei dogmi, delle verità, della Rivelazione, della Religione cattolica tutta.

Il cardinale Billot, in alcune sue opere in cui tratta del modernismo, concentra la sua attenzione proprio sul concetto di esperienza, di sentimento religioso e spiega che per esso non c’è più un dogma oggettivo, una verità che s’impone al soggetto; ma la religione viene ridotta a sentimento intimo e soggettivo. In sostanza è l’uomo che crea il suo dogma; o meglio: crea la verità cattolica, in base a quella che è la sua propria esperienza soggettiva.

Il modernismo è stato condannato dalla Chiesa, in particolare con due documenti di san Pio X (Decreto Lamentabili Sane Exitu, 3.3.1907, e Pascendi Dominici Gregis, 8.9.1907), in cui il Papa impegnò l’infallibilità, quindi rese definitiva la condanna.

Cari lettori, vi invitiamo adesso alla logica.

Se allora tutto è in divenire, se ognuno può, anzi deve vivere la fede sulla base della propria esperienza soggettiva, se la fede alla fine è un sentimento che, come tutte le passioni e i sentimenti umani, può repentinamente cambiare, diminuire, aumentare, finire, allora diventa comprensibile tutto il resto.

È dunque spiegabile (anche se non giustificabile) come possano riscontrarsi tante tipologie di modi di essere cattolico.

Eh sì … perché se la fede non è altro che esperienza soggettiva, sentimento non ancorato al trascendente ma all’immanente, allora lo stesso concetto di fede, gli stessi “contenuti” della fede, gli stessi dogmi, tutto quel che è essere cattolico, posso modellarmelo da me, cambiando quel che il mio soggettivo percepire mi dice che è meglio cambiare in un modo invece che in un altro…

Il frutto è che ci saranno decine e decine di “cattolicesimi”, e quindi anche di modi di essere cattolici, l’uno diverso dall’altro, l’uno contro l’altro a reciprocamente condannarsi nella convinzione di essere ognuno quello esatto.

E allora ecco il cattolico progressista, il cattolico normalista, il cattolico moderato, ecc…

Ci ripetiamo: non possono esistere anche solo due diversi modi di essere cattolici. Il cattolico è uno.

Basterebbe pensare che la Chiesa ha sempre insegnato che è sufficiente non credere ad una sola verità di fede per non essere cattolici.

Si deve tenere costantemente presente quel che è sempre, dovunque e da tutti stato creduto

(S. Vincenzo di Lerino) ed insegnato e seguirlo.

E ci si deve continuare affidare alla Vergine Immacolata (che il C3S invoca sotto l’appellativo di Madre Celeste e dello Splendore) debellatrice di ogni eresia!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "La conosci la causa del perché oggi ci sono tanti cattolici “fai da te”? Te lo diciamo noi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*