La Domenica… da giorno in cui volevamo fare troppo, a giorno in cui non riusciremo a fare nulla!

La Vergine lo disse chiaramente a Melania di La Salette: le patate erano marcite come castigo perché il popolo non rispettava più il riposo festivo.

Si lavorava di Domenica pensando di poter guadagnare di più… e le patate non arrivavano nemmeno a Natale. Parole della Madonna.

Già qualche volta ci siamo intrattenuti sul rito domenicale dei centri commerciali (clicca qui) Stamani apprendiamo che nell’ultimo urgente provvedimento della Presidenza del Consiglio, in tema di contrasto al Covid-19, vi è anche la disposizione tassativa di chiusura dei centri commerciali, non solo nei giorni festivi ma anche in quelli prefestivi.

Chi lo poteva immaginare fino a qualche settimana fa; anzi: fino a qualche giorno fa!

E così la Domenica ha perso tutte le “liturgie”. Ha perso quella vera della Messa Cattolica, già da tempo disertata, ora perfino annullata dalla Conferenza Episcopale. Ha perso anche le false “liturgie”: quella sportiva (niente partite di calcio) e niente shopping.

Di proverbi se ne potrebbero trovare tanti. Per esempio: Chi troppo vuole, nulla stringe. Ma quello che ci sembra più consono è un altro: La farina del diavolo, finisce sempre in crusca!

Quando si pensa che il proprio tempo sia solo “proprio” e non un “dono”; che questo debba servire solo ed unicamente a realizzare le proprie ambizioni, il tempo stesso finisce inesorabilmente a mostrare la sua vera natura: non solo sfugge, ma si ritorce nella sua drammaticità.

Pensavamo che si potesse escludere la dimensione sacrale del tempo. Meglio: pensavamo di ri-orientare questa dimensione celebrando noi stessi e il nostro fare… e ci siamo ritrovati a non poter fare più nulla.

Ci siamo ritrovati con una Domenica “crusca”, cioè con un giorno che è diventato (ovviamente per un periodo che ci auguriamo breve) uguale (davvero uguale!) a tutti gli altri giorni.

Un giorno in cui volevamo fare troppo… e adesso non riusciremo a fare nulla.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

1 Comment on "La Domenica… da giorno in cui volevamo fare troppo, a giorno in cui non riusciremo a fare nulla!"

  1. Per me la maggiore tristezza di queste domeniche è la mancanza della Santa Messa: da quando mi sono convertita ho deciso di santificare i miei giorni festivi evitando negozi, supermercati e centri commerciali.
    Dedicavo la domenica alla Messa, alla famiglia e alle passeggiate nel parco.
    Mi hanno tolto tutto.
    Che Dio ci aiuti e ci sostenga

Leave a comment

Your email address will not be published.


*