La perfezione ha bisogno di “piccolezze”

La perfezione non si raggiunge con atti unici o rari e altisonanti. No, la perfezione si raggiunge con piccole, silenziose, ma preziose, fedeltà.

Un giorno Michelangelo volle mostrare una statua a un suo amico scultore. Dopo una settimana, l’amico scultore tornò a fare visita a Michelangelo, trovandolo ancora tutto applicato a rifinire il lavoro di quella statua che appariva già finita la volta precedente.

Stai ancora lavorando su questa statua? -chiese l’amico- E cosa hai potuto fare di nuovo?“.

Ecco, vedi -rispose Michelangelo-, ci ho lavorato ininterrottamente e non ho ancora terminato. Osserva bene: ho dato più espressione a questo labbro, ho ritoccato quei muscoli, ho fatto sporgere meglio quelle vene, ho ritoccato le unghie…“.

Ma queste sono piccolezze!“, soggiunse l’amico.

Lo saranno anche -riprese Michelangelo-, ma ricordati che le piccolezze costituiscono la perfezione e che la perfezione non è una piccolezza!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "La perfezione ha bisogno di “piccolezze”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*