LA SELEZIONE CATTOLICA – Cortei del 1° Maggio: in prima fila non gli operai, ma i migranti… anche l’Italia come in Francia dove l’operaio ha ormai da tempo abbandonato la Sinistra e i suoi salotti?

FONTE. il giornale.it

TITOLO: Quei cortei senza operai: gli immigrati in prima fila

AUTORE: Riccardo Pelliccetti

L’immagine non sorprende, ma fa riflettere. L’Italia è diversa e i sindacati pure, così il Primo maggio 2017 fotografa una realtà su cui spesso non ci soffermiamo: il cambiamento sociale.

Rapido e inarrestabile. Certo, per i cultori della società multietnica sono passi verso il paradiso del progresso, un’opinione rispettabile ma non per questo condivisibile. Vedere la prima fila del corteo di Milano, in occasione della Festa del Lavoro, composta totalmente da lavoratori extracomunitari lascia interdetti. In passato ci eravamo abituati a veder sfilare le tute blu della Fiat, della Breda, dell’Ilva e di tante altre realtà operaie e industriali italiane. Sono solo un ricordo. Eppure i lavoratori italiani sono ancora tantissimi, anzi la stragrande maggioranza: sono oltre 22 milioni gli occupati in Italia (tra lavoratori dipendenti e autonomi) tra i quali gli stranieri sono poco più di due milioni. Un numero corposo ma parliamo del 10 per cento della forza lavoro. Per quanto in molti distretti industriali la manodopera dei migranti sia una realtà consistente, la media nazionale rivela che nove lavoratori su dieci sono italiani. Ma, a guardare le immagini del corteo del Primo maggio, le proporzioni sembravano opposte, anche se oltre un milione di stranieri è iscritto al sindacato.

(…)

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "LA SELEZIONE CATTOLICA – Cortei del 1° Maggio: in prima fila non gli operai, ma i migranti… anche l’Italia come in Francia dove l’operaio ha ormai da tempo abbandonato la Sinistra e i suoi salotti?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*