LA SOSTA – Toh! Un celebre musicista in versione “politically correct”…

 

I media stanno battendo la notizia che il celebre musicista Brian Eno ha postato un augurio sui social, in occasione del nuovo anno e dell’uscita di un suo album, Reflection.

Sapete cosa ha detto? Che il prossimo anno deve essere all’insegna dell’uguaglianza.

Ora, non ci sembra che questa sia una notizia; ovvero che una celebrità possa fare un augurio per il prossimo anno.

Ma ciò che ci sembra ancora più scontato è anche il Nostro abbia parlato secondo la ormai stantìa vulgata del politically correct.

Ecco un passaggio in cui fa riferimento all’anno che si è appena concluso:

Il declino include il passaggio dal lavoro fisso alla precarietà, la distruzione dei sindacati e la restrizione dei diritti dei lavoratori, i contratti a zero ore, la fine delle amministrazioni locali, il servizio sanitario che crolla, il sistema scolastico senza fondi regolato da esami insignificanti, l’accettazione crescente della stigmatizzazione degli immigrati, il nazionalismo ignorante e l’amplificazione del pregiudizio amplificata dai social media e da Internet.

Ovviamente le solite cose: nazionalismo ignorante e amplificazione del pregiudizio.

Viene da aver nostalgia del buon Giorgio Gaber (morto il 1° gennaio di quattordici anni fa), che, pur professando spesso idee su cui non siamo d’accordo, aveva però il coraggio di smarcarsi dalla retorica dei salotti del potere.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "LA SOSTA – Toh! Un celebre musicista in versione “politically correct”…"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*