La “via pulchritudinis” con Adolf Lins

Rubrica a cura di Corrado Gnerre


Noi de Il Cammino dei Tre Sentieri siamo convinti che sia importante ribadire che Dio è Somma Verità, Somma Bontà e Somma Bellezza. Che la Verità Cattolica non solo è “vera” ma è anche “bella”, che non solo soddisfa pienamente l’intelligenza con la sua inappuntabile logica, ma anche il cuore con il suo costitutivo e irresistibile fascino. Ed ecco perché le nostre meditazioni devono muovere anche dalla contemplazione della Bellezza, utilizzando quella che si è soliti definire la “Via Pulchritudinis”… appunto: la “Via della Bellezza”, che è il Terzo Sentiero de “Il Cammino dei Tre Sentieri”


 Adolf Lins (1856-1927), Bolle di sapone

La spensieratezza dell’infanzia è il gioco che conquista.

Un bambino è seduto sull’erba. Sta facendo delle bolle di sapone. E’ in mezzo alla natura e agli animali della fattoria, cosa può volere di più?

Quel bambino crescerà. E allora lo abbandonerà la spensieratezza e mille preoccupazioni occuperanno il suo esistere.

La sua infanzia è proprio come quella bolla che sta per gonfiarsi e che, dopo pochi secondi, scoppierà non lasciando alcuna traccia di sé.

Se ci si riflette, il gioco è proprio questo. Anzi, è sempre questo, ovvero metafora della vita.

C’impegniamo, coinvolgiamo tutto noi stessi (come è giusto che sia), ma guai a giocare con la vita, cioè ad attaccarci a ciò che passa come se non dovesse passare mai.

Chi lo fa, è come se pretendesse che una bolla di sapone rimanga sempre nell’aria senza scoppiare e sparire.

Il bimbo, giocando, sta in un certo qual modo vedendo la sua vita. Sta scorgendo ciò che lo attenderà.

Capirà, un giorno, che l’affezione deve legarsi a ciò che permane, a ciò che si scolpisce definitivamente nell’eternità… e non a ciò che si gonfia, sembra splendere un attimo, per poi dissolversi impietosamente.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "La “via pulchritudinis” con Adolf Lins"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*