Lo sai che possono esserci delle preghiere distratte che rapiscono il cuore di Dio?

Una preghiera attenta, ma senza amore, può piacere meno a Dio di una preghiera distratta, quando ovviamente questa distrazione non è voluta, ma fortemente combattuta. Ciò è il segno che si sta amando veramente Dio. E come quando scoppia una guerra. Il capofamiglia lascia moglie e figli per difendere la patria. Il capofamiglia, pur non essendo accanto ai familiari, sta facendo un atto che è la massima manifestazione di amore nei loro confronti.

Scrive dom Augustin Guillarand (1877-1945) nel suo La preghiera dinanzi a Dio:

“(…) ciò che importa è l’attenzione del volere più che quella dello spirito. Vi sono delle preghiere distratte che rapiscono il cuore di Dio. Quando ci facciamo violenza per metterci e mantenerci dinanzi a Dio le disposizioni del corpo o dell’anima continuamente ci strappano, nostro malgrado, allo sguardo e al ricordo di questa presenza amata, quando questa impotenza tortura il nostro desiderio di Lui e noi accettiamo umilmente tale tortura, allora la distrazione diventa un mezzo d’unione eccezionalmente prezioso e forte. Poiché tutto, nei nostri rapporti con Dio, si misura con l’amore (…).”

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri 


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Lo sai che possono esserci delle preghiere distratte che rapiscono il cuore di Dio?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*