Lo Sguardo …un anziano che ricorda

La posizione dello sguardo, il privilegio dell’osservazione, il partire dal vedere e dal constatare è non solo la posizione più ragionevole, ma anche quella più intelligente. La parola “intelligenza” viene dal latino “intus-legit” che significa “leggere dentro”. L’intelligenza, pertanto, implica non una conoscenza superficiale ma una conoscenza dentro la realtà. Appunto: la realtà! L’intelligenza ha bisogno della realtà, non ne può fare a meno. Se la realtà non esistesse, non ci sarebbe modo di poter esercitare l’intelligenza, non ci sarebbe modo di essere intelligenti.

Un anziano che ricorda

Ascoltare i ricordi di un anziano è ascoltare una memoria.

E’ la storia che in un certo modo si ri-attualizza.

Fin qui siamo sullo scontato e forse anche sul retorico.

Ma c’è qualcosa che non si dice sul mistero di un anziano che ricorda.

Questo qualcosa è ciò che prova chi racconta. Egli parla di ciò che ha vissuto; e pensa che i suoi fatti e i suoi ricordi possano -anzi, debbano- interessare tutti.

Perché accade questo ad un anziano?

Perché egli vive in un dopo che nostalgicamente anela al passato. Ciò che egli ha vissuto deve interessare tutti in quanto vissuto, desiderato e trascorso… ma che non deve essere perso.

Un anziano che ricorda è la continuità del tempo.

E’ il vero che non passa.

E’ la sconfitta della dissoluzione.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

Share on:

Be the first to comment on "Lo Sguardo …un anziano che ricorda"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*