Lutero ha detto anche delle verità? Poche gocce di acqua pura non rendono innocuo un bicchiere di veleno

A proposito di ciò che abbiamo scritto ieri (Non prendiamoci in giro: la situazione è gravissima!) qualcuno ci ha scritto dicendoci che anche nel pensiero di Lutero si possono scorgere delle verità.

Approfittiamo per rispondere e fare una riflessione utile.

Iniziamo col dire che mentre esiste la verità assoluta, non esiste un male assoluto. Se esistesse un male assoluto, il male sarebbe come il bene e quindi si cadrebbe, da un punto di vista religioso, in una sorta di antico manicheismo. Anzi, la pericolosità del male sta proprio nel fatto che può nascondere anche del bene, e che questo bene non trasforma il male in bene, anzi lo rende più pericoloso, perché più ingannevole.

Facciamo un semplicissimo esempio per capirci. Dinanzi a noi vi è un bicchiere pieno di veleno. Se lo beviamo, c’ammazza. Ad un certo punto chi ce lo ha offerto vi versa dieci gocce di acqua pura di sorgente e ci dice: “Adesso puoi bere, non è più pericoloso”. Un’affermazione del genere convincerebbe gli stupidi, non gli intelligenti. Le dieci gocce di acqua pura non annullano il veleno: il veleno rimane veleno e, se bevuto, ammazza ugualmente. E in più le gocce di acqua pura, non più distinguibili, diventano esse stesse veleno.

L’atteggiamento di chi chi oggi guida la Chiesa non è quello di limitarsi a precisare che nel Luteranesimo ci possano essere “ancora” delle verità cattoliche, il che avrebbe senso solo per un discorso puramente teologico e accademico, bensì che l’intera Riforma si configurerebbe come valore. Monsignor Galantino ha parlato di “evento dello Spirito”.

Insomma, per ritornare all’esempio precedente, non ci si limita a dire che nel bicchiere di veleno sono mischiate anche delle gocce di acqua pura, che ormai non sono più recuperabili, bensì che il bicchiere di veleno è un bene che ci sia.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

6 Comments on "Lutero ha detto anche delle verità? Poche gocce di acqua pura non rendono innocuo un bicchiere di veleno"

  1. Rosanna Curatelli | 21 ottobre 2017 at 17:01 | Rispondi

    Grazie Professore!
    Più chiaro di così non si può.
    Sia lodato Gesù Cristo!

  2. L’affermazione di Galantino è forse la più grave che un uomo di Chiesa abbia pubblicamente espresso dall’inizio di questo pontificato. Ora si può capire perché Bergoglio venga,”accusato” non di essere eretico, ma di propagare eresie: c’e chi raccoglie le esortazioni e mette in pratica. Ora mi sembra che Galantino si sia posto in diretta opposizione a Dio, nella sua Terza Persona: peccato contro lo Spirito Santo.Dopo queste parole c’e solo il precipizio…e per molti che si portano su questa via il ritorno sarà quasi impossibile. Arrivati a questo punto sono anche stanco di sentir dire da più parti di pregare per persone che consapevolmente e reiteratamente perseguono lo scopo di allontanare se stessi e il gregge loro affidato da Dio.

  3. Inorridita da Galantino.
    D’accordo come sempre al 1000% su vostri commenti.
    Molto d’accordo anche con commento di Massimoo.
    ATTENDO INTERVENTO DI LUI!!!!!

  4. Lutero?un omicida assassino…che si rifugiò in un convento per non essere arrestato dopo aver ucciso un suo compagno di Università, e fu cos’ per caso che decise di farsi monaco!
    Inorridisco di fronte a questa storia.
    Pensiamo un pò a quale “personaggio” la nuova Chiesa vuole rendere merito!.
    Signore vieni presto in nostro aiuto…

    • Cara amica, in realtà l’episodio dell’assassinio non è acclarato. Ci sono storici che lo negano. Lo diciamo per onestà intellettuale. Ovviamente non è questo episodio, verificatosi o meno, che determina il giudizio estremamente negativo su Lutero. Grazie per la sua vicinanza.

  5. Nessuna buona coscienza cristiana può credere che il Papa sia il capo della Chiesa cristiana, né il vicario di Dio o di Cristo, ma è il capo della chiesa maledetta dei peggiori banditi della terra, vicario del diavolo, nemico di Dio, un avversario di Cristo e distruttore della Chiesa di Cristo, maestro di menzogna, di blasfemia e di idolatria, brigante e rapinatore della Chiesa e del signore laico, assassino di re e causa di tutti i tipi di spargimento di sangue, una puttana sopra ogni puttana, impegnata nella sua fornicazione, un anticristo, un uomo del peccato e figlio della perdizione, un lupo mannaro vero e proprio».

    (Martin Lutero. Opera Omnia di Martino Lutero, edizione di Weimar)
    Si può essere assassini…anche così?io dico di sì,cosa ne pensate Amici dei 3 senteri?

Leave a comment

Your email address will not be published.


*