Magnanimità sì. Pusillanimità no!

da Teologia della perfezione cristiana, di Antonio Royo Marin, n.324


La magnanimità è la virtù che inclina a intraprendere opere grandi, splendide e degne di onore in ogni genere di virtù. Spinge sempre a ciò che è grande e splendido, alla virtù eminente; è incompatibile con la mediocrità.

Alla magnanimità si oppongono quattro vizi: tre per eccesso ed uno per difetto.

Per eccesso si oppongono direttamente:

La presunzione, che inclina ad intraprendere cose superiori alle nostre forze.

L’ambizione, che ci spinge a procurarci onori non dovuti al nostro stato e ai nostri meriti.

La vanagloria, che cerca fama e rinomanza senza i meriti su cui fondarla o senza ordinarla al suo vero fine, che è la gloria di Dio e il bene del prossimo.

Alla magnanimità si oppone per difetto la pusillanimità, che è il peccato di coloro che per eccessiva sfiducia in sé medesimi o per un’umiltà malintesa non fanno fruttificare tutti i talenti che hanno ricevuto da Dio; il che è il contrario alla legge naturale, che obbliga tutti gli esseri a sviluppare la propria attività giovandosi di tutti i mezzi e tutte le energie di cui Dio li ha dotati.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Magnanimità sì. Pusillanimità no!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*