Mattarella: i partiti non pensino ai loro interessi di parte… ma se sono nati per questo!

C3S

Il presidente Mattarella, in occasione del Primo Maggio facendo riferimento all’intricata questione politica, ha raccomandato i partiti a non fare i propri interessi di parte.

Insomma è come se fosse andato in una curva di stadio e avesse detto agli ultras di non tifare per la loro squadra.

Siamo al comico storico!

Perché “comico storico”? Perché forse sfugge il motivo per cui nacquero i partiti. Qual é il loro peccato d’origine?

Facciamo un passo molto indietro. D’altronde le cose che diciamo servono per offrire ai nostri lettori delle modeste, ma speriamo utili, categorie interpretative per avere un giudizio autenticamente cattolico su ciò che accade.

Ebbene, non è un caso che i partiti si chiamino così. Essi mirano a fare gli interessi di una “parte” e non dell’intero corpo sociale. Sono figli di quei famosi club ideologici che prepararono la Rivoluzione francese e che sopravvissero ad essa rendendola una sorta di rivoluzione permanente che dura finora.

Semplificando, ma non troppo, possiamo dire che prima della Rivoluzione francese si discuteva su quale dovesse essere la migliore forma di governo per poter governare (chiediamo scusa del gioco di parole) un’unica forma di società. Dopo la Rivolzione francese si è invece iniziato a discutere su quale dovesse essere la migliore forma di società.

Nacque l’ingegneria costituzionale e si elaborarono ideologicamente diversi modelli di corpo sociale.

Ovviamente tutto prevedibile, in quanto effetto del trionfo filosofico del razionalismo che in politica è trionfo dell’ideologia. Se la realtà oggettiva non è vincolante, bensì ciò che conta è il pensiero che elabora il reale, allora politicamente non è necessario salvaguardare un modello di società naturale, ma il pensiero umano può ideologicamente inventarne di nuovi, a proprio gusto e consumo.

I partiti nascono per questo, cioè in  conseguenza di questa svolta. Prima nascono i club illuministici che traducono politicamente il loro credo razionalista e poi, da questi, i partiti i cui rappresentanti siedono nei vari parlamenti.

Chiedere pertanto ai partiti di non fare i propri interessi di parte è come chiedere ai barbieri di non radere la barba, ai muratori di non costruire i muri, ai falegnami di non lavorare il legno. Un assurdo!

Ma la cosa che fa specie è che questi partiti sono convinti che, facendo il loro interesse di parte, facciano anche quello della nazione. Insomma, pensare al proprio orticello vorrebbe dire pensare a tutti gli orti nazionali.

Qui c’è un altro punto interessante da mettere in rilievo e cioè che la modernità ha talmente misconosciuto il vincolo della realtà oggettiva e della legge naturale, da affidare all’ideologia un ruolo messianico. E’ l’elaborazione ideologica che deve salvare la storia. E’ il pensiero che salva la storia e che fa la storia. E qui c’è tutto Hegel e l’Idealismo.

Intanto, in conseguenza di questo, ci ritroviamo… come ci ritroviamo.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

Share on:

Be the first to comment on "Mattarella: i partiti non pensino ai loro interessi di parte… ma se sono nati per questo!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*