Mese del Preziosissimo Sangue – 25 luglio

ESEMPIO

San Gaspare del Bufalo stava predicando una Missione e gli fu riferito che un gran peccatore, già in punto di morte, rifiutava i Sacramenti.
Presto il Santo si recò al suo capezzale e, col crocifisso fra le mani, gli parlò del Sangue che Gesù aveva versato anche per lui. La sua parola era così accesa che ogni anima, benché ostinata, si sarebbe commossa. Ma il moribondo no, restò indifferente.
Allora san Gaspare si denudò le spalle e, inginocchiatosi presso il letto, cominciò a disciplinarsi a sangue. Neppure questo valse a smuovere quell’ostinato.
Il Santo non si scoraggiò e gli disse: “Fratello, non voglio che tu ti danni; non smetterò finché non avrò salvata l’anima tua“; e ai colpi dei flagelli unì la preghiera a Gesù Crocifisso.
Allora il moribondo, toccato dalla Grazia, scoppiò in pianto, si confessò e morì fra le sue braccia.

RIFLESSIONE

I peccati non sono una sciocchezza.
Oggi l’abbiamo ridotti a “burletta” con il nostro cristianesimo “ateo”, dove al posto di Dio abbiamo messo l’uomo.
I Santi, invece, ragionano in modo diverso. Ragionano secondo il Cuore di Dio; e, per pagare i peccati, al Sangue di Cristo uniscono il loro sangue!

Dio è Verità, Bontà e Bellezza
Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Mese del Preziosissimo Sangue – 25 luglio"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*