Non si è uomini se non si fa l’esame di coscienza

da Il Settimanale di Padre Pio, n.49

Purtroppo, la confusione delle cose del nostro vivere disordinato e affannoso ci ha portato ad uno stato di cose da veri incoscienti.

Eppure, la cosa più “nostra”, che più ci qualifica come persone ragionevoli e precisamente la “coscienza”. Ma se la disciplina personale sembra diventata una favola, ormai, è chiaro che l’incoscienza è diventata la nostra maestra e guida alla rovina.

Un pagano come Seneca raccomandava: “la mattina devi darti pensiero delle cose da fare; la sera devi esaminare quelle fatte.”

Ecco l’ordine della coscienza che organizza e conduce il nostro vivere ragionevole della giornata.

E per la vita spirituale, c’è san Francesco di Sales che insegna e raccomanda: “la sera si deve andare a letto come al confessionale, cioè non senza aver fatto prima un buon esame di coscienza.” Così si può dormire in piena pace dopo aver chiesto perdono al Signore delle colpe commesse.

Un altro grande maestro nei primi tempi della Chiesa, san Giovanni Crisostomo, così diceva già ai primi cristiani del suo tempo: “Voi tutti avete un registro su cui scrivete ogni giorno le entrate e le uscite per le spese. Certamente non andrete mai a dormire prima di aver fatto i vostri conti. E va bene: è un vostro dovere. Ma anche l’anima vostra ha diritto alle vostre cure vigilanti. La vostra coscienza è un libro aperto, su cui ogni sera dovete notare il guadagno e la perdita, gli atti virtuosi e le colpe. Quindi, ogni sera, prima di addormentarvi prendete a tu per tu l’anima vostra e ditele: “Su, anima mia; su, facciamo un po’ i nostri conti: che bene hai fatto oggi? Quale male hai commesso?” Così, con il mio pentimento e con il perdono del Signore per ogni mio difetto o peccato commesso, posso dormire con l’anima in pace, e se il Signore venisse a prendermi durante la notte, mi troverà con l’anima in grazia.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri  


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Non si è uomini se non si fa l’esame di coscienza"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*