«Dalla crisi odierna emergerà una Chiesa che avrà perso molto. Diventerà piccola e dovrà ripartire più o meno dagli inizi.
Ripartirà da piccoli gruppi, da movimenti e da una minoranza che rimetterà la fede e la preghiera al centro…».

(Cardinale Joseph Ratzinger, futuro papa benedetto XVI)

L’idea del C3S è quello di creare cammini locali guidati da chi condividesse ideali, militanza e spiritualità del C3S stesso.

Lo scopo dei cammini locali  è quello di offrire un servizio a tanti che sono disorientati o in preda a grossolani errori teologici. L’intento, pertanto, è quello di portare la bellezza della Verità Cattolica, da intendersi nella sua integrità (la vera Tradizione), a quante più anime possibile.

Coloro che volessero far nascere un cammino locale si assumono l’incarico di essere Guide locali di un cammino.

I punti che necessariamente vanno condivisi dalla Guida locale sono:

1)Aderire al C3S come “pellegrino”, prendendosi l’impegno di recitare quotidianamente la Preghiera del Pellegrino e la recita del Santo Rosario.

2)Condividere con il C3S una lettura della realtà alla luce della Fede Cattolica, pertanto considerare che prima di ogni altro impegno, politico, culturale, caritativo, ecc… viene la dimensione spirituale.

3)Condividere i punti 58.1.e 58.2 de Le Ragioni del Cammino che recitano:

58.1 Constatazione dell’attuale crisi della Chiesa e dell’Annuncio cristiano. In tale constatazione bisogna evitare tanto l’impossibilità di critica di quelle indicazioni pastorali che dovessero contraddire l’insegnamento di sempre della Chiesa; quanto convinzioni di non riconoscimento delle legittime autorità della Chiesa fino a derive di tipo “sedevacantiste”.

58.2 Riconoscimento dell’utilità e piena cattolicità della Liturgia Tradizionale, ovvero quella precedente la Riforma Liturgica del 1965-69. Il C3S, infatti, sceglie di seguire tale Liturgia.

Dunque, per la Guida Locale (e non per i partecipanti agli incontri) viene richiesto l’adesione a pellegrino e la condivisione della questione della crisi della Chiesa, le sue cause e i suoi possibili rimedi.

Una precisazione importante: una volta che ci si volesse impegnare a creare un Cammino Locale e si iniziasse, non si assume un impegno definitivo, nel senso che si può decidere di sospendere o di terminare definitivamente. Il tutto deve essere fatto nella massima libertà.

Costituzione di un Cammino locale

Intitolare il cammino locale con un santo o con un titolo della Vergine. Da preferire un riferimento locale.

La Guida locale dovrà comunicare al Coordinatore Nazionale il titolo del Cammino, il recapito (può essere un telefono fisso o un cellulare) e l’indirizzo di riferimento. Dati, questi, che devono essere pubblicati sul sito, per far sì che altri della zona possano sapere che c’è una C3S locale dalle proprie parti.

Il riferimento per la costituzione dei cammini locali è l’avvocato Pierfrancesco Nardini, Coordinatore Nazionale, nonché Guida locale del Cammino “Madonna delle Grazie” di Teramo, che ha l’incarico di coordinare le Guide locali. Il suo numero è: 3203121533

Alla Guida locale verranno inviati pieghevoli illustrativi del C3S, eventuale materiale di apostolato e anche delle tessere, per coloro che volessero aderire come “pellegrini”. Il cui impegno minimo è la recita quotidiana del Santo Rosario e della Preghiera del Pellegrino (che è sul retro della tessera).

I pellegrini sono tenuti a devolvere un’offerta a piacere. Il ricavato delle offerte rimane nella cassa del cammino locale per eventuali iniziative pubbliche o altre spese inerenti l’attività del cammino stesso. I nominativi dei tesserati vanno registrati dal cammino locale. Il cammino locale, pertanto, gode di completa autonomia.

Gli incontri

Le Guide locali devono organizzare degli incontri a cadenza settimanale, quindicinale o mensile, a seconda delle proprie possibilità. Gli incontri devono prevedere almeno tre partecipanti, Guida compresa.

Gli incontri, tenuti dalla Guida locale, devono essere così strutturati:

1

Recita del Santo Rosario in onore della Madre Celeste e Regina dello Splendore, con l’intenzione che il mondo intero possa innamorarsi alla Verità, alla Bontà e alla Bellezza della Verità Cattolica.

2

Formazione (30/40 minuti). Se si decidesse di fare una formazione catechistica, il sussidio è (attualmente) il Catechismo di San Pio X. Se invece si decidesse per una formazione monografica si devono utilizzare utilizzare una o più rubriche tratte dal sito del C3S, oppure un collegamento (via Skype) con la Guida nazionale.

3

Lettura di una Borraccia del giorno, scelta dalla Guida nazionale

4

Eventuale (ma non necessaria) discussione sulle attività del Cammino locale. 

5

Conclusione con la recita della Preghiera del Pellegrino

Per quelle realtà che avessero difficoltà ad organizzare incontri con almeno tre componenti, o dove la Guida locale ancora non si sentisse di tenere un incontro formativo, si è pensato di sovvenire in tal modo (anche per non disperdersi e rinunciare alle forze di tanti altri possibili pellegrini che dovessero trovarsi isolati): il C3S può offrire con periodicità costante un incontro via skype con la Guida nazionale.

Le attività pubbliche

Sarebbe auspicabile (anche se non è indispensabile) che ogni Cammino Locale organizzi nella propria località iniziative pubbliche: conferenze, convegni, manifestazioni, da previamente concordate con la Guida Nazionale.


Coloro che volessero offrire il proprio contributo in tal senso non devono rispondere pubblicamente, ma scrivere privatamente a info@itresentieri.it; oppure telefonare al 3240462584 o al 3203121533


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

 

 

Share on:

Be the first to comment on ""

Leave a comment

Your email address will not be published.


*