Per rispondere all’economista Giovannini… basterebbe il buon Massimo Troisi

del C3S

Il noto economista Enrico Giovannini, già ministro del lavoro nel governo Letta, da tempo sostiene come combattere il problema della povertà.

Per Giovannini il reddito non risolverebbe la povertà.

I motivi sarebbero nel fatto che non esiste una sola povertà, o meglio: tale povertà non sarebbe riducibile ad una sola caratteristica, quanto in essa andrebbero a confluire tutta una serie di fattori fra cui il disagio culturale.

Ora, che la povertà non sia solo quella economica, è talmente vero e scontato che non ci sembra occorra Giovannini a dircelo.

L’economista sembra parlare dall’alto e non ci riferiamo solo al suo status economico, sociale, culturale e politico, bensì da un altro “alto”, quello astratto che spesso contraddistingue un certo tipo di intellettuale dei nostri giorni.

C’è uno sketch del vecchio gruppo comico napoletano de La smorfia che ha un valore filosofico importante. In un angusto basso napoletano vi è un’anziana donna, impersonata da Massimo Troisi, che riceve la visita di un “esperto” sociologo impersonato da Lello Arena. Quest’ultimo si presenta con adeguati e spessi occhiali da “topo di biblioteca” e con altrettanto adeguato tic nervoso. Il sociologo ha la pretesa di dire all’anziana donna del basso che ella non può conoscere davvero i problemi che attanagliano lei e il popolo napoletano, ma che tali problemi li possono conoscere solo coloro che studiano: “Voi credete di conoscere i vostri problemi… in realtà se non ci fossimo noi …”. La comicità della situazione sta nello sguardo dell’anziana donna (Massimo Troisi) che osserva con il suo buon senso quegli strani atteggiamenti del sociologo e soprattutto quella pretesa di sapere di più rispetto a chi vive la propria drammatica situazione. Al termine dello sketch, l’intellettuale comunica di aver da tempo scoperto la soluzione per risolvere i problemi della miseria di Napoli: il Vesuvio in realtà non conterrebbe ciò che contiene ogni vulcano, ma squisito purè di patate; perciò si tratterebbe di aprire il vulcano e distribuire tutto quel ben di Dio. Dinanzi alla sorpresa dell’anziana donna, il sociologo si arrabbia, invece di argomentare per ciò che non è per nulla plausibile: si arrabbia. Anzi è lui a meravigliarsi dell’incredulità di quella che ritiene una “sciocca” donna.

Le parole di Giovannini (almeno che non le consideriamo nell’ovvietà) sembrano essere in linea con la pretesa di risolvere i problemi senza iniziare a risolverli partendo dallo scontato. Se qualcuno ha il mal di pancia, prima di disquisire sulle varie cause del dolore, bisogna dargli un analgesico. Immaginate che faccia farebbe questi se il dottore, ascoltando i suoi lamenti, si mettesse a disquisire di anamnesi, eziologia e quant’altro…

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

Share on:

Be the first to comment on "Per rispondere all’economista Giovannini… basterebbe il buon Massimo Troisi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*