Perché privarsi di Colui …che è più forte del Mondo?

di Pierfrancesco Nardini


Una delle più gravi conseguenze della crisi della fede che si vive oramai da decenni è l’assoluta dimenticanza di Dio, da parte delle singole persone e, di conseguenza, da parte della società.

Basta osservare: quanta gente vive la vita all’insegna di tutto tranne che di Lui e della Sua Legge? Quante volte capita di vedere feste sacre (clicca qui) in cui alla fine si fa tutto tranne che pensare al reale motivo della festa?

L’effetto di questa conseguenza è devastante per le anime.

Persa la parte spirituale della vita, non comprendendo più il trascendente, l’uomo non può che concentrare tutte le sue energie sulla vita terrena, sulle cose materiali della vita.

In questo modo ogni cosa diventa più difficile, qualsiasi evento negativo diventa un fardello insopportabile, vien visto come un destino avverso.

Tolto Dio dalla nostra vita e, così, privatici della nostra più grande risorsa (clicca qui), si affrontano le situazioni difficili da soli, basandoci solo sulle nostre forze che sono oggettivamente limitate.

Di fronte all’enorme fatica nell’affrontare le difficoltà e agli eventuali risultati negativi con le sole proprie forze, l’uomo tende ad abbattersi. Al di là dei diffusi stati depressivi, non si può non notare come siano tantissimi coloro che vivono in un pessimismo a lungo andare devastante. Questi stati d’animo diventano purtroppo, terreno fertilissimo per il demonio, che ha vita ancor più facile data la mancanza di preghiera.

Manca a questo modo di affrontare la vita quel qualcosa in più, quella visione che stacca dal mondo, che permetterebbe non solo di avere armi più efficaci, ma anche di poter vincere/riuscire più di frequente, meno faticosamente, e poter vivere anche più sereni.

Santa Teresa d’Avila sintetizzava così questo qualcosa: “nulla ti turbi, nulla ti spaventi, tutto passa […]. A chi ha Dio non manca nulla. Dio solo basta”.

Dio nella nostra vita, l’affidarsi a Lui e il confidare in Lui, questo manca. Dimenticando Dio, è come se, in un qualsiasi sport di squadra, i ragazzini che vanno a sfidarne altri molto bravi, si dimentichino di portar con loro il più forte di tutti.

Manteniamo Nostro Signore al centro delle nostre vite, affidiamo quanto più spesso a Lui le cose della vita, confidiamo in Lui e avremo sempre con noi Colui che è più forte del mondo.


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Perché privarsi di Colui …che è più forte del Mondo?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*