Quando pensi di essere chissà chi, sappi che l’Immacolata conservò l’estrema umiltà anche al momento dell’Annunciazione

L’umiltà non è la più grande delle virtù, ma è certamente quella più importante, perché senza di essa le altre virtù non possono esserci.

C’ un bell’esempio che fa capire: se si ha una collana e la si vuole rivendere, un conto è rivendere le singole perle, altro è voler rivendere il filo. Per le perle possono dare anche un bel gruzzoletto, ma per il filo non danno nulla. Eppure senza il filo non è possibile avere una collana. Ebbene, le singole perle sono le virtù più grandi, il filo è l’umiltà, che vale sì meno, ma è necessario perché le perle possano rimanere unite formano una collana.

A proposito dell’umiltà, la Vergine disse a santa Veronica Giuliani:

Figlia mia, sappi che, quando venne l’angelo Gabriello a darmi questo annunzio da parte di Dio onnipotente, io stavo nella cognizione della mia bassezza e viltà; ed è questo l’esercizio che do a te. Sta sempre avvilita e annichilita sotto tutti, come vile fango e polvere.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Quando pensi di essere chissà chi, sappi che l’Immacolata conservò l’estrema umiltà anche al momento dell’Annunciazione"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*