Regno Unito: anche per le scuole cattoliche il diktat arcobaleno!

da tempi.it – Autore: Caterina Giojelli

I termini “madre” e “padre” dovranno essere banditi dai moduli di ammissione delle scuole cattoliche britanniche. Accade a Londra, dove il Servizio di educazione cattolica, organo della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, ha invitato gli istituti cattolici a conformare la propria modulistica al balbettio burocratico tanto caro alla chiesa arcobaleno: non più “mother”, non più “father”, bensì “parent”.

utto nasce, come nei migliori templi social, da una segnalazione di un utente: l’Office of the Schools Adjudicator (Osa, l’organo di governo che si occupa di politiche di ammissione nelle scuole) ha infatti accolto l’accorato reclamo di un genitore che voleva iscrivere i figli alla scuola elementare cattolica di Holy Ghost a Wandsworth, sud-ovest della città: la modulistica dell’istituto viola le norme di ammissione, discrimina i gay, i separati, i genitori acquisiti, è stata la sua tesi. Tutto per colpa di quelle informazioni che in un primo incartamento vengono richieste sia per mamma che papà e in un incartamento supplementare per un solo “genitore” o per il tutore.

«In assenza di chiarimenti del termine “genitore” – spiega il giudice Peter Goringe – l’uso delle parole “madre” e “padre” potrebbe, come suggerisce la persona che ha sporto denuncia, implicare una limitazione della sua definizione da parte della scuola». In altre parole, se usi madre e padre in un modulo non puoi usare genitore in un altro, dando per scontato che tu per genitore intenda solo madre e padre, e chi li sente poi tutti quei genitori gay, accoppiati, single, adottivi, separati che vogliono mandare i figli nelle scuole cattoliche del Regno e si sentono discriminati da un modulo ancor prima di averceli mandati?

Dal Servizio di educazione cattolica assicurano che stanno lavorando a stretto contatto con le diocesi e l’Osa per sviluppare un certificato che abbia un approccio unificato per tutte le scuole cattoliche e rispetti pienamente le norme. In pratica un ufficio complicazioni cose semplici: «La nostra società è basata sulle famiglie e la maggioranza ha un padre e una madre», ha sbottato al Sunday Times Alan Smithers, direttore del centro per la ricerca sull’Educazione e il lavoro dell’Università di Buckingham criticando la sentenza, «se c’è un solo genitore, compilerà solo un campo del modulo». Non è difficile. Ma siccome non esiste un’agenzia per la difesa del buonsenso, nell’avanzare di una nuova società burocraticamente uniformata la semplificazione consiste nell’eliminazione di madri e padri per natura. Al loro posto i più politicamente e ora cattolicamente corretti genitori per legge.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

 

Share on:

Be the first to comment on "Regno Unito: anche per le scuole cattoliche il diktat arcobaleno!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*