Riflessioni “profetiche” di un medico cristiano

da Le riflessioni di un medico cristiano, di Fabio Trevisan, in “Il Settimanale di Padre PIo”, anno XVII, n.21


Alexis Carrel (1873-1944) nelle Riflessioni sulla condotta della vita imputava all’evidente fallimento delle ideologie l’essersi discostate dalle leggi naturali e dall’ordine cristiano: “Nel mondo c’è un ordine. Le leggi naturali esprimono i modi di essere delle cose. Esse sono inesorabili, universali, silenziose ed eterne.”

Per il grande fisiologo e chirurgo francese, Premio Nobel nel 1912 (a soli 39 anni) per la fisiologia e chirurgia fisiologica, non era soltanto il corpo dell’uomo ad essere oggetto di studio e di ricerca, ma anche e soprattutto lo spirito. Nelle sue considerazioni egli mai dimenticava la vera natura dell’essere umano quale simbiosi di spirito e materia. L’uomo e la donna erano quindi visti in una dimensione organica ed integrale e ne denunciava, come nel saggio L’uomo, questo sconosciuto del 1935, i tentativi di manipolarne le specificità: “La società moderna ha commesso il grave errore di sostituire, fin dalla più tenera età, la scuola all’insegnamento familiare, e vi è stata trascinata per tradimento delle donne che abbandonano i figli alle governanti per occuparsi della propria carriera, delle ambizioni personali, dei piaceri sessuali, delle fantasie letterarie (…).”

Egli temeva quello che di lì a poco sarebbe veramente accaduto: la standardizzazione delle persone e l’omologazione verso il basso.

Egli testualmente pronunciava queste parole: “Se gli uomini fossero tutti identici, sarebbe possibile allevarli, farli vivere, lavorare in grandi masse, come gli animali; invece ciascuno possiede una sua personalità e non può essere considerato un simbolo o un numero.”


Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri


Vuoi aiutarci a far conoscere quanto è bella la Verità Cattolica?

CONDIVIDI

Be the first to comment on "Riflessioni “profetiche” di un medico cristiano"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*