Se per i bambini va bene avere genitori dello stesso sesso, perché allora devono essere per forza due?

FONTE: notizieprovita.it

TITOLO: Poligamia: perché 3 genitori sono meglio di due!

Due donne bisessuali e un uomo inneggiano alla poligamia, che , secondo loro, dovrebbe essere il futuro delle relazioni umane. In particolare la loro genitorialità a tre è un ottima soluzione ai problemi che hanno le famiglie con i figli.

Adam Lyons, 36 anni, vive apertamente con due donne, Brooke Shedd, 28 anni,  con la quale ha un figlio di due anni, Jane Shalakhova, e 27 anni,  che è incinta di otto mesi. E poi lui ha già un figliastro di sette anni, nato da un altro rapporto.

La poligamia aiuta nella gestione dei figli

“Tre i genitori sono meglio di due”, ha detto Lyons al New York Post . “E  permette di gestire la vita quotidiana molto meglio.”

Le coppie di due – possiamo dire “normali”? – sono spesso esauste e stressate per tenere il passo con il lavoro e con i figli. La poligamia rende tutto logisticamente molto più facile. Si condividono le responsabilità, e ci si diverte a letto…

E torna quindi il ritornello scontato del “love is love”, a prescindere dal numero dei partecipanti.

Addirittura la Jane, la donna incinta, ha detto che ha sempre evitato di avere un figlio: avrebbe voluto dire diventarne schiava. Invece da quando vive la poligamia ci ha ripensato. In tre, i genitori possono ancora avere una vita sociale, il tempo per l’un l’altro, e non finiscono come la tipica mamma deprivata ​​del sonno.

La poligamia non è mica per forza solo in tre…

Tutti e tre a volte portano in casa un quarto partner: «Siamo aperti al divertimento quando arriva», dice Lyons [ti pare che non sono “inclusivi”?, NdR]. E frequentano insieme i club priveé, per rilassarsi e divertirsi [quindi hanno anche loro bisogno della baby sitter?, NDR].

Ovviamente, desidererebbero molto sposarsi, a tre, ma purtroppo non è legale. Ma – tranquilli – presto o tardi si farà. Qualcuno già dice che la poligamia è la nuova frontiera del diritto di famiglia:  l’abbiamo già fatto notare qui.

La poligamia fa crescere i bambini sani e felici

La poligamia dei tre tipi di cui si parla dura da cinque anni: «Siamo una vera famiglia con  bambini sani, felici», dicono. Lo dicono loro che i bambini in quel contesto promiscuo e instabile sono felici.

I bambini osservano. I bambini confrontano la loro situazione familiare e quella degli altri. Lo fanno i figli dei single e dei divorziati, lo fanno quelli che crescono con due mamme, due papà ecc ecc.

I bambini osservano e rimangono in silenzio, anche per molti anni, per non ferire i loro genitori, quando percepiscono di vivere una situazione anomala.

Il dolore, l’insicurezza, e il conflitto interiore che testimoniano da adulti quelli che sono cresciuti in strutture familiari non tradizionali (anche single e divorziati) sono il segno di un danno profondo che hanno subito da piccoli.

I bambini sono resistenti, anche quando gli adulti li mettono in  confusione circa il loro posto nel mondo, anche quando devono vivere la rivalità e le gelosie che intercorrono tra i fratellastri che hanno madri diverse.

Ma poi, a guardarci bene intorno, capita sempre più spesso che i bambini sviluppino disturbi del comportamento. Non ce ne stupiamo. Non ce ne lamentiamo. Prendiamoci la responsabilità d’avergli riservato una vita da condividere con il neuropsichiatra. E se la terapia non funziona, e se si sta troppo male, alla fine, c’è sempre la possibilità dell’eutanasia.

Dio è Verità, Bontà e Bellezza

Il Cammino dei Tre Sentieri

Share on:

Be the first to comment on "Se per i bambini va bene avere genitori dello stesso sesso, perché allora devono essere per forza due?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*